Montmartre: alla scoperta del quartiere degli artisti a Parigi

Con la sua doppia anima Montmartre è una delle cose da vedere a Parigi. Il quartiere degli artisti, lontano dal centro della città, offre intrattenimento e cultura. La butte Montmartre, sulla quale svetta la bianca Basilica del Sacro Cuore, è associata allo stile di vita bohemien e ha ospitato poeti e pittori del calibro di Picasso, Apollinaire, Van Gogh. Oggi Montmartre è un luogo ricco di fascino in cui ammirare le opere degli artisti di strada, ascoltare buona musica e gustare un cafè in uno dei locali caratteristici della zona.

Cosa vedere a Parigi: la magia del quartiere degli artisti Montmartre

Ricca di colori, piena di sorprese e fonte d’ispirazione per artisti e intellettuali, Montmartre è una delle zone più caratteristiche di Parigi. Il quartiere degli artisti nella capitale francese è un luogo da visitare, sia che si tratti di un viaggio breve di un weekend a Parigi o di più giorni. Famosa per la Basilica del Sacro Cuore, che si erge bianca candida nel punto più alto della collina del XVIII arrondissement, Montmartre a Parigi ospita il Moulin Rouge ed è il luogo ideale anche per assaporare le prelibatezze della cucina francese, cenando in una delle brasserie del quartiere degli artisti.

La storia di Montmartre Paris: da luogo di perdizione a quartiere degli artisti

Posizionata a nord di Parigi la butte Montmartre, zona indipendente fino al 1860, regala ai viaggiatori una vista incantevole sulla capitale francese, oltre a monumenti ricchi di arte e strade in cui si respira storia. Il nome del quartiere deriva da “monte dei martiri” in commemorazione del primo vescovo di St-Denis, decapitato nel 250 dai romani. Tra le cose da vedere a Parigi, Montmartre merita un posto di prim’ordine, il quartiere era considerato alla fine del XIX secolo come una sorta di luogo di perdizione, una zona periferica fatta di cabaret e bordelli, famoso per la produzione di vino locale, il divertimento e gli spettacoli del Moulin Rouge e de Le Chat Noir (ancora oggi luoghi di attrazione per i visitatori).  Cuore artistico della città appena fuori Parigi, Montmartre permetteva ai residenti di essere liberi dalle tasse della capitale, e divenne ben presto il rifugio di pittori come Picasso, Pissarro, Van Gogh, Modigliani, e Maurice Utrillo che trovarono nella zona un rifugio e una fonte d’ispirazione (da qui l’appellativo di “quartiere degli artisti di Parigi“). Montmartre divenne l’emblema dello stile di vita non convenzionale di musicisti, attori e scrittori, centro della vita dei bohemien durante il periodo della Belle Epoque. Ma come si arriva a Montmarte e quali sono i posti da visitare?

parigi montmartre

Leggi anche: Torre Eiffel: orari, biglietti e curiosità sull’opera simbolo di Parigi

Come arrivare a Montmartre: la metro art nouveau e la funicolare

Il quartiere di Montmartre di Parigi regala una vista mozzafiato sulla città. Ma come si arriva al quartiere degli artisti? La butte Montmartre è accessibile attraverso metro, bus e treno e per salire in cima alla collina è possibile prendere la funicolare di Montmartre. Ecco nel dettaglio tutte le informazioni utili per arrivare in questa zona di Parigi da vedere assolutamente:

  • Metro: prendere la Linea 2 e scendere a Anvers o Pigalle; oppure prendere la Linea 12 e scendere a Abbesses, Lamarck-Caulaincourt, Jules Joffrin o Pigalle;
  • Bus: prendere le linee 30, 40, 80, 95;
  • Treno: prendere la linea H o L.

Una nota a parte va fatta su Montmartre e la metro, alcune fermate infatti, tra cui quella di Anvers, rappresentano un’attrazione e meritano di essere immortalate in una fotografia per via dei caratteristici ingressi in stile art nouveau.

montmartre metro
Fermata di Anvers
Per raggiungere la cima della collina è possibile utilizzare la funicolare. Inaugurata nel 1900, la navetta è ancora in servizio ed è composta da due cabine (una per la salita e una per la discesa) che possono accogliere 60 persone. La funicolare collega Place Saint-Pierre a Rue du Cardinal Dubois e copre una distanza di 108 metri. Per prendere la funicolare, che porta alla Basilica del Sacro Cuore, le fermate più vicine sono Abbesses e Anvers. Ogni giorno il mezzo trasporta circa 6 mila passeggeri e il costo della salita è quello di un normale biglietto per la metro. Gli orari di apertura della funicolare sono dalle 6:00 alle 00:45. In alternativa è possibile salire a piedi per i 197 gradini e godere della vista di Parigi dall’alto.

Cosa vedere a Montmartre: la Basilica del Sacro Cuore, il Moulin Rouge e l’arte di strada

La piazza centrale, la Basilica del Sacro Cuore, la chiesa di St. Pierre, il Moulin Rouge sono solo alcune delle attrazioni del quartiere Montmartre a Parigi. Una zona fatta di storia, esperienze visive e profumi che incanta a ogni passo con le opere di artisti di strada impegnati a ritrarre i turisti di passaggio. Ecco nel dettaglio quali sono le attrazioni da non perdere a Montmartre.

  • Basilica del Sacro Cuore. Costruita nel 1919 in travertino calcareo, che ne conferisce il caratteristico colore bianco, Le Sacre Coeur rappresenta l’attrazione principale di Montmartre. Al suo interno si può ammirare il più grande mosaico francese e la cupola. Sulla sommità di quest’ultima è possibile salire per godere di una vista unica di Parigi. Da non perdere anche la cripta con la statua di Saint Denis.
    L’ingresso nella Basilica è gratuito e gli orari di accesso sono: dalle 8:30 alle 20:00 da maggio a settembre e dalle 9:00 fino alle 17:00 da ottobre ad aprile (le persone iscritte al registro delle preghiere notturne possono però restare anche dopo l’orario di chiusura). L’accesso alla cupola e alla cripta è a pagamento. Il biglietto combinato costa 8 euro per gli adulti e 5 per i ragazzi dai 4 ai 16 anni. L’ingresso alla cupola costa 6 euro per gli adulti e 4 per i ragazzi dai 4 ai 16 anni. Per accedere alla cripta il costo del biglietto per gli adulti è 3 euro, per i ragazzi dai 4 ai 16 anni 2 euro. I bambini sotto i 4 anni non pagano.
cosa vedere a Parigi
Basilica del Sacro Cuore di Montmartre
  • Place du Tertre. La piazza centrale di Montmartre si trova nel punto più alto di Parigi, a un’altezza di 130 metri, e il suo nome significa “collinetta”. Il centro del quartiere regala di giorno una realtà fatta di ristoranti e artisti di strada e la sera un’atmosfera fiabesca con le sue luci aggraziate. Nella pizza è situato l’ufficio informazioni dell’antica Montmartre e si trova la Chiesa di St-Pierre.
  • Chiesa di St. Pierre. Vicina alla basilica del Sacro Cuore la Chiesa si trova nella piazza centrale di Montmartre e l’ingresso è gratuito. St.Pierre, costruita nel 1133 sulle rovine di un santuario merovingio, è stata ricostruita più volte nel XV e XVIII secolo ed è un luogo di culto più intimo e meno affollato rispetto a Le Sacre Coeur.
paris montmartre
Navata St. Pierre
  • Moulin de la Galette. Il mulino di rue Lepic è uno dei due rimasti nel quartiere di Montmartre e ospita un ristorante molto caratteristico. Un tempo il mulino serviva per macinare il frumento e lavorare l’uva. La storia racconta che Pierre-Charles Debray, il suo proprietario, fu crocifisso sulle vele del mulino nel 1814, durante l’assedio di Parigi. Moulin de la Galette è diventato nel XIX secolo una sala da ballo e ha ispirato artisti del calibro di Van Gogh e Renoir.
quartiere artisti parigi
Moulin de la Galette a Montmartre
  • Moulin Rouge. Il mulino rosso è senza dubbio una delle attrazioni di Parigi e merita una tappa obbligata. La celebre sala da ballo che nell’800 creava scandalo e attirava gli artisti, oggi continua a regalare intrattenimento ai turisti. Al suo interno infatti si svolgono spettacoli di cabaret alle 21:00 e alle 23:00. Anche se al momento il Moulin Rouge è chiuso per il Covid, nei periodi di normalità il prezzo di uno spettacolo parte dagli 87 euro, mentre per lo show con inclusa la cena il costo è di 185 euro.
butte montmartre
Moulin Rouge a Montmartre
  • Museo di Montmartre. Al numero 12 di rue Cortot, ospitato nella più bella casa di Montmartre La Mainoir  de Rose de Rosimond, si trova il museo del quartiere che ne racconta la storia attraverso foto, oggetti e dipinti. Gli orari di apertura sono dal martedì  alla domenica dalle 11:00 alle 18:00 e il biglietto per un adulto è 13 euro, mentre quello ridotto è 8.50 euro. I ragazzi dai 10 ai 17 anni pagano 6 euro e gli studenti 9 euro. Le musée de Montmartre rappresenta una tappa obbligata per chi vuole conoscere a fondo il quartiere degli artisti e immergersi nella vita bohemien della Belle Epoche.
  • Museo di Salvador Dalì. A rue Cartot è possibile trovare un museo affascinante che contiene oltre 300 opere del pittore surrealista spagnolo Dalì. Illuminazione high-tech ed effetti sonori, che includono anche la voce di Dalì, rendono il museo un percorso unico all’insegna dell’arte. Al momento il Salvador Dalì  è chiuso a causa del Covid, ma l’ingresso generalmente costa 13 euro e il museo è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00.

  • Cimitero di Montmartre. Aperto nel 1825 al numero 20 di avenue Rachel, il cimitero si trova in un’ex cava di gesso, sotto il livello stradale, e ospita le tombe di personaggi celebri come Ampere, Zola, Stendhal, Alexandre Dumas, Degas e Dalida. Molte delle tombe di artisti sono ornate da sculture, seguendo le inclinazioni artistiche che caratterizzano Montmartre.
  • Muro dei Je t’aime. Posta vicino alla fermata della metro Abbesses, l’opera di Frédéric Baron e Claire Kito è pensata per i più romantici. Il muro si estende per 40 metri quadrati, ed è composto da 612 piastrelle blu, in ognuna delle quali compare la scritta “ti amo” declinata in diverse lingue.
  • Scultura Le Passe Muraille. Oltre alle Chiese e ai musei, tra le cose da vedere a Parigi nel quartiere Montmartre c’è soprattutto l’arte di strada e così può capitare di passeggiare per rue Norvins e vedere la statua dell’uomo che attraversa il muro. L’opera di bronzo di Jean Marais è stata realizzata nel 1989 ed è ispirata alla novella di Marcel Aymé “Le Passe Muraille”. Si narra che il protagonista del racconto avesse la capacità di attraversare i muri ma, per amore, finì per restare incastrato in una parete.
    montmartre cosa vedere
    Scultura Le Passe Muraille

I ristoranti a Montmartre e le vie più caratteristiche del quartiere

Per immergersi a pieno nell’atmosfera di Parigi e del quartiere degli artisti bisogna perdersi tra le vie più caratteristiche della collina e sostare in uno dei cafè e dei ristoranti della zona. Tra le cose da vedere a Montmartre non possono mancare le stradine e le piazze meno frequentate della collina in cui ammirare i colori di una Parigi inaspettata. Il quartiere di Montmartre è un museo a cielo aperto e ogni angolo regala un’esperienza unica e permette di catapultarsi nello spirito parisienne. Tra le vie da non perdere a Montmartre c’è sicuramente quella che porta fin su la collina: rue Lepic. Mercati, negozi e cafè ornano la strada in cui si respira lo spirito bohemien del quartiere Montmartre. A rue Lepic si trova inoltre il famoso Cafè des 2 Moulins che ha fatto da scenario al film “Il favoloso mondo di Amelie”.

funicolare Montmartre
Funicolare Montmartre
Da non perdere anche rue Saint-Vincent, uno spazio verde all’interno di Parigi, che offre un panorama meno turistico, ma non per questo di fascino minore. Per chi vuole addentrarsi nella parte più opulenta del quartiere degli artisti a Parigi una passeggiata a rue Junot non può mancare. In questa via è possibile trovare cinema, teatri e palazzi nobiliari.
Tra i ristoranti di Montmartre un posto di spicco va assegnato a Au Lapin Agile si tratta di un ristorante e cabaret in stile Belle Epoque che negli anni è stato frequentato da artisti e poeti come Picarro, Renoir, Verlaine e Apollinaire. A rue Lepic è inoltre possibile gustare deliziosi piatti nel bistrot Autour de Midi ed Minuit. Per gli amanti di pesce, Cherlot Roi des Coquillages a Boulevard de Clichy è il posto giusto dove cenare a Montmartre. Tra le brasserie da ricordare anche Chez Jean a rue St-Lazare che vanta una stella Michelin. A metà tra un ristorante, un bar e un pub c’è invece Au Negociant a rue Lambert. Per assaggiare invece il camembert fritto con miele si può far tappa al Cafè Burq, mentre per gustare una delle torte di carote può buone di Parigi il posto giusto è Rose Bakery a rue des Martyrs.

ristoranti montmartre
Cafè des 2 Moulins

Curiosità sul quartiere di Montmartre: tutti quello che c’è da sapere

La zona di Montmartre a Parigi, dal Moulin Rouge alla Basilica del Sacro Cuore, mostra le sue due anime, quella sacra e quella profana, che rappresentano il fascino del quartiere. Montmartre nasconde anche segreti inaspettati che lo rendono ancora più affascinante. Ecco nel dettaglio tutte le curiosità del quartiere degli artisti di Parigi.

  • Non tutti sanno che a Montmartre esiste una fontana dei miracoli che si trova a Square Suzanne Bush e nel cui centro si erge la statua di St-Denis. La leggenda narra che il Santo fosse apparso sulla fontana dopo la sua decapitazione, ma non è tutto… si dice che la fontana esaudisse i desideri dei mariti traditi e avesse il potere di rendere le mogli fedeli.
  • Un’antica leggenda narra che il quartiere degli artisti fosse abitato da una strega che aveva casa nei pressi di Passage de la Sorcière, dove si trova la pietra della strega. La donna spaventava i bambini che passavano nelle vicinanze della sua abitazione e, secondo un’altra leggenda invece, a Montmartre si celerebbe una pietra che, se toccata, sarebbe in grado di proteggere gli innamorati.
  • Il nome originario del Lapine Agile era in realtà Cabaret des Assassins. Si narra infatti che nel locale fosse stato ucciso, da una banda di malviventi, il figlio del proprietario, da qui il nome cabaret degli assassini.
zona Montmartre
Fontana di St-Denis

Parigi, zona Montmartre: le recensioni dei viaggiatori sul quartiere degli artisti

Il quartiere di Montmartre è una delle attrazioni più amate dai turisti che visitano Parigi. Nella zona è possibile acquistare souvenir a un prezzo più vantaggioso rispetto ai negozi del centro e respirare un’atmosfera fatta di arte e musica. Passeggiare tra le vie di Montmartre e salire sulla Basilica del Sacro Cuore è una delle cose più apprezzate dai turisti che possono ammirare a ogni passo le opere degli artisti di strada e ascoltare musica jazz. La sera Montmartre diventa uno spettacolo per gli occhi con le sue luci che regalano al quartiere un’atmosfera fiabesca. In basso è possibile leggere alcune delle recensioni lasciate dai turisti e qui potete visitare la pagina dedicata.

visitare parigiparigi cosa vedere
cosa visitare a parigicsa vedere a parigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
© 2020 Cose di Viaggio è un sito Giddy Up Srl - P.IVA 14849541009
Close