Cosa vedere a Genova: 10 e più suggerimenti sui luoghi da visitare in città e itinerari personalizzati

Visitare Genova è sempre stato un tuo sogno e vuoi organizzare nel minimo dettaglio un viaggio nel capoluogo ligure? Ami il mare, la tradizione e il centro storico di Genova e finalmente sei pronto per perderti nella bellezza dei suoi storici caruggi? Che tu abbia a disposizione un solo giorno, un week-end o una settimana intera, grazie ai nostri consigli e a un’accurata lista delle 10 cose da vedere a Genova potrai dar vita a un viaggio ricco di bellezza, arte e cultura alla scoperta dei segreti di questa splendida città incastonata tra le alture e il mare.

Cosa vedere a Genova: un viaggio alla scoperta delle meraviglie del capoluogo ligure

Quando uno va a Genova, è ogni volta come se fosse riuscito ad evadere da sé: la volontà si dilata, non si ha più coraggio di essere vili. Mai ho sentito l’animo traboccante di gratitudine, come durante questo mio pellegrinaggio attraverso Genova“, scriveva Friedrich Nietzsche in una lettera datata 1888. Ed è proprio la preziosa sensazione di pace ed evasione sperimentata dal filosofo tedesco durante il suo viaggio nel capoluogo ligure che ci guiderà nell’offrirvi questo approfondimento sulle più belle cose da fare a Genova e sugli itinerari più adatti per chi desideri scoprire la città di Genova e i luoghi da visitare in Liguria. Dalla storica Lanterna, simbolo della città, al gettonatissimo Acquario, meta prediletta di grandi e piccini, i posti da visitare in questa splendida città sono davvero moltissimi ma, con un po’ di organizzazione e qualche suggerimento, potrai visitare Genova in un giorno o più senza perderti nemmeno una delle inestimabili bellezze di questa città ricca di storia e poesia.

turismo genova

Come abbiamo detto, a Genova i luoghi d’interesse sono davvero molti, ed è proprio per questo che abbiamo pensato di studiare tre differenti itinerari che sapranno soddisfare le esigenze di ciascuno di voi.
Chi ad esempio volesse scoprire cosa vedere a Genova in un giorno, non dovrà far altro che affidarsi al nostro primo percorso, interamente dedicato alle bellezze del Porto Antico, principale attrazione turistica della città e luogo ricco di storia e antiche tradizioni.
Chi a Genova e dintorni potrà invece dedicare due o tre giorni avrà a disposizione un secondo itinerario che si concentrerà sul centro storico di Genova, famoso in tutto il mondo per essere uno dei più vasti e antichi d’Europa.
Se infine vi state domandando cosa vedere a Genova in una settimana, potrete affidarvi al nostro terzo e ultimo percorso, pensato appositamente per chi, dopo aver esplorato tutti i luoghi da visitare a Genova, senta il desiderio di allontanarsi dal centro città per scoprire gli splendidi scorci marini che alcuni quartieri come Nervi e Albaro, con la sua splendida spiaggia di Boccadasse, sanno offrire. Se poi i monumenti di Genova non dovessero bastare per saziare la vostra curiosità e fame di bellezza, potrete affidarvi ai nostri consigli e spingervi fino a Portofino e alle Cinque Terre, per scoprire tutti gli splendidi luoghi da visitare in Liguria.

  1. Acquario di Genova
  2. Collocato nel cuore del Porto Antico e inaugurato nel 1992, l’Acquario è ormai da anni uno dei più bei posti da visitare a Genova. Conosciuto in tutto il mondo, questo strabiliante polo turistico è il secondo acquario più grande d’Europa e accoglie ogni anno moltissimi visitatori. Suddiviso in padiglioni, l’Acquario di Genova offre numerose esperienze, attività didattiche e visite imperdibili che sapranno accompagnarvi in un viaggio alla scoperta del mondo marino. Vi state domandando cosa vedere a Genova con i bambini? Semplice: all’Acquario di Genova i più piccoli potranno conoscere da vicino delfini, pinguini, animali degli abissi e, perché no, schiacciare un pisolino accanto alla vasca degli squali.

    Dove

    Ponte Spinola.

    Come

    A piedi: da Piazza De Ferrari L’Acquario di Genova è raggiungibile attraversando il centro storico della città lungo Via San Lorenzo.
    In autobus: utilizzare le linee numero 1 (da Ponente e Val Polcevera) e 13 (da Levante e Val Bisagno) con capolinea proprio di fronte all’Acquario.
    In treno: dalla Stazione Genova Piazza Principe si potrà raggiungere l’Acquario a piedi in circa 15 minuti, con l’autobus n.32 per Piazza Caricamento o in metropolitana direzione Brignole scendendo alla fermata S. Giorgio; dalla stazione Marittima si dovrà prendere il bus n.1 per Piazza Caricamento; dalla Stazione Genova Brignole si potrà raggiungere l’Acquario di Genova con il bus n.13 per Piazza Caricamento o in metropolitana con direzione Brin scendendo alla fermata S. Giorgio.

    Quando

    Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 20.00 (ultimo ingresso alle 18.00).
    Sabato, domenica e festivi dalle 09.00 alle 20.00 (ultimo ingresso alle 18.00).

    Quanto

    Adulti: 27€
    Ragazzi (4-12 anni): 19€
    Ridotto: 23€
    Bambini (0-3 anni): gratis

    Scopri cosa vedere all’Acquario di Genova

    da vedere a genova

  3. Galata Museo del Mare
  4. Se velieri, piroscafi, transatlantici, galee e imbarcazioni sono la vostra più grande passione, dovrete senza dubbio visitare Genova e il Galata Museo del Mare. Considerato il più grande museo marittimo del Mediterraneo, il Galata deve il suo nome a un antico quartiere di Istanbul che fino al XV secolo costituiva una delle più grandi e importanti comunità genovesi nel Mar Mediterraneo. Che dire poi del Sommergibile Nazario Sauro? I visitatori potranno, una volta indossati i dispositivi di protezione, entrare nel sottomarino e osservare da vicino, grazie a un’apposita sala allestita ad hoc, l’avventurosa esperienza di un sommergibilista.

    Dove

    Calata Ansaldo De Mari, 1.

    Come

    A piedi: da Piazza De Ferrari il Galata Museo del Mare è raggiungibile attraversando il centro storico della città lungo Via San Lorenzo.
    In autobus: dalla Stazione di Genova Brignole si può raggiungere il Galata di Genova prendendo l’autobus numero 18 in direzione Sampierdarena oppure il bus numero 20. Dalla Stazione Genova Piazza Principe basterà percorrere un tragitto di cinque minuti a piedi oppure prendere l’autobus numero 32 o 35.
    In metropolitana: direzione Brin, fermata Darsena.

    Quando

    Dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 17:00 (ultimo ingresso alle 16:00).
    Sabato, domenica e festivi dalle 10:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle 17:00).

    Quanto

    Adulti: 13€
    Ragazzi(4-12 anni): 8€
    Bambini(0-3 anni): ingresso libero
    Ridotto: 11€

    Scopri cosa vedere al Galata Museo del Mare

    genova da visitare

  5. Porto Antico
  6. Cuore pulsante del capoluogo ligure, il Porto Antico è una delle principali attrazioni di Genova. Oggi punto d’incontro per famiglie, turisti e giovani alla ricerca di un momento di svago, il Porto Antico offre molte attività e numerosi scorci di rara bellezza. Dall’ascensore panoramico Bigo ai Magazzini del Cotone, passando per la Piazza delle Feste, l’Arena del Mare, la Biosfera e la Città dei Bambini, l’area del Porto è sicuramente uno dei luoghi più apprezzati e visitati insieme al centro storico di Genova.

    Dove

    Calata Molo Vecchio, 15.

    Come

    A piedi: da Piazza De Ferrari il Porto Antico è raggiungibile attraversando il centro storico della città lungo Via San Lorenzo e Piazza Caricamento. Dalla Stazione di Genova Piazza Principe il Porto Antico dista solo 10 minuti a piedi.
    In autobus: dalla Stazione Principe sarà possibile prendere l’autobus numero 35 in direzione Via Vannucci e scendere alla fermata Gramsci 2/ metro Darsena o il bus numero 1 dalla fermata Marittima/Principe Fs e scendere al capolinea di Piazza Caricamento.
    In metropolitana: dalla Stazione Genova Piazza Principe prendere la metro in direzione Brignole, fermata San Giorgio.
    In Volabus:al costo di 6€
    In Navebus: al costo di 3€

    Scopri cosa vedere al Porto Antico

    a genova

  7. Lanterna di Genova
  8. La storia di Genova, città antica e caratterizzata da tradizioni millenarie, deve moltissimo alla sua storica Lanterna, monumento simbolo del capoluogo ligure molto amato dai cittadini. Edificata nel Trecento per segnalare alle navi l’ingresso nel porto, la Lanterna di Genova, con i suoi 77 metri, è il faro più alto del Mediterraneo e il secondo più alto d’Europa. Vedere Genova e non visitare la Lanterna sarebbe quindi una vera e propria eresia: il faro di Genova infatti, con le sue fortificazioni, la passeggiata e il museo, regala un panorama mozzafiato sul Porto e sulla città vecchia a chiunque voglia affrontare i 172 scalini che conducono alla prima terrazza.

    Dove

    Rampa della Lanterna.

    Come

    A piedi: la Lanterna è raggiungibile solo a piedi attraverso un camminamento lungo 800 metri che parte dalla zona parcheggio del Terminal Traghetti e finisce alla base del faro.
    In macchina: una volta raggiunta l’area di sosta del Terminal Traghetti, potrete usufruire di un parcheggio gratuito per due ore e mezza semplicemente consumando un caffè o un qualsiasi prodotto nella galleria commerciale.
    In metropolitana: scendere alla fermata Dinegro.
    In autobus: scendere alla fermata Terminal Traghetti se si arriva da Ponente, o alla fermata Buozzi2 se si arriva da Levante.
    In navetta: servizio gratuito attivo solo durante le festività e l’ultima domenica del mese. La navetta parte dal Galata Museo del Mare.

    Quando

    Da ottobre a maggio:
    Dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 17:00 (ultimo ingresso alle 16:30);sabato, domenica e giorni festivi dalle 10:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle ore 17:00).
    Da giugno a settembre:
    Dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle 17:30); sabato, domenica e giorni festivi dalle 10:00 alle 19:00 (ultimo ingresso alle 18:30).
    Giorno di chiusura: lunedì.

    Quanto

    Biglietto intero Open Air Museum, Museo e Lanterna (prima terrazza panoramica): 6€
    Biglietto ridotto Open Air Museum, Museo e Lanterna (prima terrazza panoramica): 5€
    Parco Open Air Museum: 2€

    Scopri cosa vedere presso la Lanterna di Genova

    cose da vedere a genova

  9. Cattedrale di San Lorenzo
  10. Tra i monumenti di Genova più misteriosi e ricchi di fascino troviamo senza dubbio la Cattedrale di San Lorenzo. Caratterizzato dalla sua facciata a bande bianche e nere, il Duomo del capoluogo ligure custodisce una ricca collezione di cimeli, affreschi e opere d’arte e si colloca nel cuore del centro storico di Genova. Basterà infatti percorrere la centralissima Via San Lorenzo, punto d’incontro di tanti genovesi, per ritrovarvi faccia a faccia con questo splendido edificio religioso. Qui potrete visitare due dei luoghi d’arte di Genova più amati: il Museo del Tesoro della Cattedrale di San Lorenzo e, presso il Chiostro dei Canonici, il Museo Diocesano. San Lorenzo nasconde poi segreti e leggende che attirano ogni anno moltissimi turisti: sapevate, ad esempio, che sulla facciata della cattedrale si nasconde un cane capace di magici vaticini in ambito amoroso? Insomma, se ancora vi state domandando cosa vedere a Genova, ecco a voi la risposta: il Complesso Monumentale di San Lorenzo.

    Dove

    Piazza San Lorenzo.

    Come

    A piedi: l’area della Cattedrale di San Lorenzo è una zona pedonale ed è raggiungibile percorrendo a partire da Piazza De Ferrari o dal Porto Antico la centralissima Via San Lorenzo.
    In macchina: uscire al casello Genova Ovest, proseguire verso il centro imboccando la Sopraelevata Aldo Moro. Uscire quindi a Piazza Cavour e parcheggiare in una delle molte aree di Parcheggio del Porto Antico.
    In treno: dalla Stazione di Genova Principe, prendere la linea 18 o 37 in direzione Piazza De Ferrari. Da qui sarà possibile proseguire per Via San Lorenzo e raggiungere l’edificio religioso.
    Dalla Stazione Brignole, prendere i bus 17, 18, 37, 39 o 40 e scendere a Piazza De Ferrari.
    In metropolitana scendere alle fermate San Giorgio o De Ferrari e proseguire a piedi lungo Via San Lorenzo.
    In aereo: l’aeroporto Cristoforo Colombo è collegato al centro storico con taxi e linee Volabus.

    Quanto

    Il Museo del Tesoro della Cattedrale di San Lorenzo e il Museo Diocesano sono visitabili con un unico biglietto. Intero: 12€; ridotto: 10€.

    Scopri cosa vedere nella Cattedrale di San Lorenzo

    genova cosa fare

  11. Casa di Colombo
  12. Ormai l’avrete capito: a Genova le cose da vedere sono davvero molte! Ma come reagireste se vi dicessimo che Cristoforo Colombo, il grande navigatore e scopritore dell’America, avrebbe trascorso proprio a Genova buona parte della sua infanzia? Ebbene sì! In centro a Genova potrete ammirare la casa natale di Cristoforo Colombo, restaurata nel 2001 e tenuta in grande considerazione dai genovesi, orgogliosi delle origini liguri del grande esploratore.

    Dove

    Via di Porta Soprana.

    Come

    A piedi: per raggiungere la Casa di Colombo, è consigliabile arrivare a Piazza De Ferrari per poi proseguire a piedi. La piazza dista 15 minuti a piedi dalla stazione Genova Principe e dieci minuti da Genova Brignole. Partendo invece dal Porto Antico, potrete arrivare alla Casa di Cristoforo Colombo percorrendo Via San Lorenzo per poi proseguire a piedi.
    In autobus: prendere qualunque autobus per piazza De Ferrari (linee: 18, 18/, 31, 37, 39, 40) scendere in piazza De Ferrari e proseguire a piedi.
    In macchina: se si è sull’autostrada A7, A12 o A26, uscire a Genova Ovest, prendere quindi la strada sopraelevata svoltando alla prima uscita (Porto Antico) e proseguire diritto per Carignano. Se si è sull’autostrada A10, uscire a Genova Est, proseguire diritto per circonvallazione a mare, svoltare a destra in cima alla salita per Piazza Carignano. Qui parcheggiare e proseguire a piedi.

    Quando

    Dal martedì alla domenica e nei giorni festivi dalle 10:00 alle 18:00.

    Quanto

    Biglietto ridotto: disponibile per tutti i visitatori al costo di 3€.
    Ingresso gratuito: riservato a tutti i cittadini UE dagli 0 ai 18 anni.
    Ingresso gratuito per residenti: disponibile solo la domenica per tutti i residenti del Comune di Genova.

    Scopri cosa vedere nella Casa di Colombo

    centro di genova

  13. Piazza De Ferrari e il Teatro Carlo Felice
  14. Conosciuto in tutto il mondo per la sua bellezza e vastità, il centro storico di Genova è, con i suoi 113 ettari di grandezza, uno dei centri storici medievali più abitati ed estesi d’Europa. Punto di ritrovo amatissimo dai genovesi e fulcro della vita notturna dei residenti, Piazza De Ferrari è considerata la porta del centro storico che con i suoi caruggi, i pittoreschi vicoli, le chiesette e le edicole votive, risulta essere uno dei più bei luoghi da visitare a Genova. Proprio di fronte alla piazza intitolata a Raffaele De Ferrari e alla sua mastodontica fontana troviamo poi il Teatro Carlo Felice. Il teatro di Genova, vero e proprio gioiello in fatto di offerta artistica e innovazione tecnologica, ospita ogni anno moltissime rappresentazioni alle quali potrete assistere se vorrete aggiungere alla vostra visita a Genova un po’ di quella magia che solo il teatro sa dare.

    Dove

    Piazza De Ferrari – Passo Eugenio Montale, 4.

    Come

    A piedi: Piazza De Ferrari dista 15 minuti a piedi dalla stazione Genova Principe e dieci minuti da Genova Brignole. Partendo invece dal Porto Antico, potrete arrivare a Piazza De Ferrari percorrendo Via San Lorenzo.
    In autobus: prendere qualunque autobus per piazza De Ferrari (linee: 18, 18/, 31, 37, 39, 40).
    In macchina: in auto da Nord e da Ovest bisognerà prendere l’uscita autostradale Genova Ovest, proseguire sulla Sopraelevata e imboccare la seconda uscita Centro città – Piazza Corvetto.

    Scopri cosa vedere in Piazza De Ferrari e al Teatro Carlo Felice

    genova monumenti

  15. Palazzo Ducale
  16. A Genova, tra i monumenti principali, annoveriamo in primis Palazzo Ducale, edificio storico costruito nel lontano 1298. Divenuto residenza del Doge nel 1339, l’antichissimo palazzo ha sempre ricoperto un ruolo fondamentale nella storia della città ed è oggi considerato uno dei poli museali più importanti e visitati del capoluogo ligure. All’interno dei cortili e delle sue splendide sale (tra le cose da visitare a Genova vi raccomandiamo assolutamente i saloni affrescati del Maggior e del Minor Consiglio!) hanno luogo ogni giorno mostre, convegni e imperdibili eventi culturali che vedono la partecipazione di moltissimi visitatori e cittadini.

    Dove

    Piazza Matteotti,9 – Piazza De Ferrari

    Come

    A piedi: Palazzo Ducale dista circa 15 minuti a piedi dalla stazione di Genova Principe e 10 minuti da Genova Brignole. Dal Porto Antico invece sarà possibile raggiungere Palazzo Ducale percorrendo tutta Via San Lorenzo.
    In autobus: scegliere uno dei tanti bus che collegano i vari quartieri della città a Piazza De Ferrari (linee: 18, 18/, 31, 37, 39, 40).
    In macchina: in auto da Nord e da Ovest bisognerà prendere l’uscita autostradale Genova Ovest, proseguire sulla Sopraelevata e imboccare la seconda uscita Centro città – Piazza Corvetto.

    Quando

    Dal lunedì alla domenica dalle 07:00 alle 23:00.

    Scopri cosa vedere a Palazzo Ducale

    genova turismo cosa vedere

  17. Palazzi dei Rolli
  18. Tra le cose da fare a Genova vi suggeriamo senza indugi un tour dei Palazzi Dei Rolli. Siamo negli sfarzosi anni tra Rinascimento e Barocco quando i nobiluomini di Genova commissionano la costruzione di una serie di splendidi palazzi collocati sull’odierna Via Garibaldi, un tempo conosciuta col nome di Strada Nuova. Residenze ricchissime collocate nel centro storico di Genova, questi edifici diverranno nel 1576 base di un innovativo sistema di ospitalità pubblica, istituito da un elenco ufficiale dei palazzi di pregio nei quali sarebbero stati accolti importanti ospiti e personaggi di spicco dell’epoca in visita di stato. Inseriti nel Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 2006, 42 dei Palazzi dei Rolli fra le oltre 100 residenze nobiliari esistenti, oggi sono alloggi privati, sedi di banche e uffici o veri e propri musei.

    Dove

    I Palazzi dei Rolli sono ben 42, ubicati in tutto il centro città. Prenderemo come riferimento Via Garibaldi.

    Come

    In treno: dalla Stazione di Genova Principe basterà uscire all’uscita Piazza Acquaverde e camminare verso Via Balbi, percorrendola in discesa fino a giungere in Via Garibaldi.
    Dalla Stazione di Genova Brignole bisognerà recarsi a Piazza De ferrari (in autobus o a piedi) per poi percorrere un altro tragitto. Dopo essere passati davanti al Teatro Carlo Felice, si imboccherà infatti Via XXV Aprile e, una volta attraversata Piazza Fontane Marose, si entrerà in Via Garibaldi.
    In aereo: dall’aeroporto Cristoforo Colombo potrete prendere un Volabus (al costo di 6€) che vi porterà alla stazione di Genova Piazza Principe dalla quale potrete poi seguire il percorso sopraindicato.
    In metropolitana: la fermata da scegliere sarà Piazza De Ferrari, punto dal quale sarà semplicissimo raggiungere Via Garibaldi.

    Scopri cosa vedere nei Palazzi dei Rolli

    genova antica

  19. Boccadasse
  20. Se siete ancora indecisi su cosa vedere a Genova e dintorni, non possiamo non segnalarvi la suggestiva spiaggia di Boccadasse. Collocato in fondo alla passeggiata di Corso Italia, un percorso vista mare sul quale si affacciano i principali stabilimenti balneari della città, Boccadasse è un antichissimo borgo di pescatori che sembra essere sopravvissuto allo scorrere del tempo. Una creuza in mattoni rossi vi condurrà fino alla spiaggia, in questa caletta incastonata tra case colorate, barchette da pesca e uno dei più bei tramonti sul mare da vedere a Genova.

    Dove

    Spiaggia di Boccadasse

    Come

    In treno: la stazione di Genova Sturla dista da Boccadasse 1 chilometro e mezzo. Da Genova Brignole invece bisognerà prendere una delle tante linee di autobus che raggiungono la zona del lungomare.
    In autobus: Boccadasse è raggiungibile grazie alle linee di autobus numero 31 o 31/ che dalla Stazione Brignole, portano all’antico borgo marinaro. Partendo invece dal centro storico, si potrà prendere il bus numero 42 da Piazza Dante.
    In macchina: prendere l’uscita autostradale di Genova Nervi o Genova Ovest per poi percorrere la sopraelevata fino alla Fiera del mare. A questo punto basterà procedere lungo tutto Corso Italia, alla fine del quale troverete il quartiere di Boccadasse.
    A piedi: Da Belvedere Firpo, imboccare Via Aurora oppure percorrere tutta la ciclabile che conduce da Piazza De Ferrari a Boccadasse.

    Scopri cosa vedere a Boccadasse

    storico genova

  21. Via del Campo
  22. Genova è arte, cultura, storia, mare, ma anche musica! Terra madre del cantautorato italiano, questa città ha infatti visto nascere Fabrizio De Andrè, poeta capace di renderla immortale e donarci immagini di Genova che nemmeno tutti i monumenti della Liguria avrebbero potuto restituirci. Vedere Genova senza fare un salto in Via del Campo, antichissima strada del centro storico citata nella celebre canzone di Faber, sarebbe quindi un vero peccato. Prezioso collegamento, già in epoca romana, tra Piazza San Giorgio e la zona di Ponente, questa strada in antichità era poco urbanizzata, forse circondata da campi, prati e orti proprio come suggerisce il suo nome. Al civico 29rosso potrete ammirare quella che un tempo era la storica bottega “Musica Gianni Tassio”, oggi museo della canzone d’autore del capoluogo ligure, vero e proprio luogo di culto per tutti gli amanti di Fabrizio De André.

    Dove

    Via del Campo

    Come

    In metropolitana: scendere alla fermata Darsena
    A piedi: dalla stazione di Genova Piazza Principe sarà possibile raggiungere a piedi Via del Campo in soli 10 minuti.
    In autobus:fermate Nunziata – Gramsci / Metro Darsena – Zecca / Carmine

    genova cosa vedere in un giorno

  23. Porta Soprana e Chiostro di Sant’Andrea
  24. “Sono sorvegliata da soldati, circondata da splendide mura e scaccio lontano con il mio valore i dardi nemici. Se porti pace, accostati pure a queste porte, se cerchi guerra, triste e battuto ti ritirerai”. Con queste parole, incise in latino su due lapidi poste alla base delle mastodontiche torri, Porta Soprana accoglieva e accoglie tutt’oggi chiunque voglia entrare in città. Questa antica struttura di epoca medievale, che annoveriamo senza dubbio tra i posti da visitare nel capoluogo ligure, si ergeva un tempo accanto al Monastero di Sant’Andrea, poi demolito insieme al quartiere di Ponticello, nei pressi dell’omonimo, suggestivo chiostro tutt’oggi visitabile.

    Dove

    Via di Porta Soprana

    Come

    In autobus: dalla stazione di Genova Brignole prendere un autobus per Piazza De Ferrari (linee: 18, 18/, 31, 37, 39, 40). Scendere in Piazza De Ferrari e proseguire a piedi. Dalla stazione di Genova Piazza Principe prendere il bus 35 e scendere a Piazza De Ferrari per poi proseguire a piedi.
    In aereo: una volta giunti all’aeroporto Cristoforo Colombo, prendere il Volabus 100, scendere in piazza Acquaverde e prendere la metropolitana in direzione De Ferrari scendendo alla fermata Sarzano – Sant’Agostino.
    In macchina: Sull’autostrada A7, A12, A26 uscire a Genova Ovest, prendere la strada sopraelevata uscendo al Porto antico e proseguire diritto, seguendo le indicazioni per Carignano.
    Sull’autostrada A10, uscire a Genova Est, proseguire diritto per circonvallazione a mare, svoltare a destra per Piazza Carignano.
    A piedi: Porta Soprana e il Chiostro di Sant’Andrea si trovano a pochi passi dalla centralissima Piazza De Ferrari

    visita genova

  25. Palazzo San Giorgo e Sottoripa
  26. Considerato uno degli edifici più antichi e noti del capoluogo ligure, Palazzo San Giorgio vale senza dubbio una visita a Genova. Composto da una parte medievale, affacciata sul porticato di Sottoripa, e da una parte rinascimentale, rivolta verso il mare, l’edificio storico fu costruito tra il 1257 e il 1260 per volere del Capitano del Popolo Guglielmo Boccanegra. Tra le tante cose da fare a Genova oggi, troviamo infine una passeggiata lungo i portici di Sottoripa, custodi delle più antiche tradizioni genovesi. Costruito dai Padri del Comune tra il 1125 e il 1133, questo porticato era un punto di collegamento tra la città e i moli del Porto e un tempo distava dal mare solo pochi metri. Divenuto quindi sede di antiche botteghe, taverne e trattorie, mercato variopinto e punto di ritrovo di marinai, camalli e lavoratori del mare, oggi Sottoripa è un luogo molto affascinante, cuore pulsante della città vecchia assolutamente da vedere se si decide di visitare Genova.

Dove

Via della Mercanzia

Come

In metropolitana: dalla stazione di Genova Piazza Principe, prendere la metro e scendere alla fermata San Giorgio.
In autobus: dalla stazione di Genova Brignole prendere il bus 12 o 13.
In automobile: Per chi arriva da Nord e da Ponente l’uscita autostradale è quella di Genova Ovest, proseguire sulla Sopraelevata e imboccare la prima uscita Centro città – P.zza Cavour. Per chi proviene da Levante invece l’uscita autostradale è quella di Genova Est, proseguire in direzione Brignole e svoltare verso l’Acquario.
A piedi: Palazzo San Giorgio è vicinissimo all’area del Porto Antico, nel cuore del centro storico della città.

Quando

È possibile accedere a Palazzo San Giorgio in giornate prestabilite con ingresso alle ore 10.00 e alle ore 11.00. Prenotazione obbligatoria al 333 7781977 oppure via mail all’indirizzo genova@delegazionefai.fondoambiente.it

Quanto

Ingresso a contributo libero

monumenti genova

Cosa fare a Genova tra percorsi all’aria aperta e tradizioni enogastronomiche

Genova, città ricca d’arte, cultura e antichissime tradizioni, è senza dubbio una delle mete più amate del Nord Italia. Dopo aver scoperto i principali monumenti di Genova, il centro storico e le cose belle da fare nel capoluogo ligure, perché non avventurarsi in un tour enogastronomico della città? Genova da vedere, quindi, ma anche da gustare! Il turismo a Genova, infatti, si basa non solo sugli itinerari culturali alla scoperta dei monumenti della Liguria, ma anche sulle antiche prelibatezze liguri.

  • Il pesto genovese: tutelato da un vero e proprio consorzio e celebrato da decine di gare di “pesto al mortaio”, il pesto genovese è uno dei condimenti più amati e conosciuti al mondo. Tra le tante cose da visitare a Genova, quindi, non dimenticate le pittoresche trattorie del centro storico che sapranno farvi gustare un pesto perfetto composto da sette semplici ingredienti: basilico genovese DOP, olio evo ligure, Parmigiano Reggiano DOP, pecorino sardo, pinoli, aglio e sale. Senza dimenticare l’aggiunta, come l’antichissima tradizione vuole, di patate e fagiolini fatti cuocere nell’acqua della pasta.
  • La focaccia: Gustosa, fragrante e ben unta, la focaccia genovese è un must per chiunque voglia visitare Genova. Ottima a merenda, a pranzo o accompagnata da un buon bicchiere di “gianchetto” secondo tradizione, la focaccia vanta una storia antichissima: basti pensare che in epoca medievale veniva gustata addirittura in chiesa, durante la cerimonia delle nozze. Se, smaniosi di esplorare Genova e dintorni, vi state chiedendo quindi dove poter gustare della buona focaccia a Genova, in centro, non dovete assolutamente temere: in ogni angolo della città troverete focaccerie e panifici pronti a soddisfare il vostro palato. E se proprio volete calarvi nello spirito ligure e apprezzare la città come solo un genovese saprebbe fare, non dimenticatevi di una delle più importanti tradizioni locali: la colazione genovese con fugassa e cappuccino!
  • La cima: regina indiscussa della gastronomia ligure, la cima è un antico piatto della tradizione della città di Genova composto da una tasca di carne di vitello farcita con verdure, formaggio, animelle e uova. Bollita, tagliata a fette e servita solitamente nel giorno di Natale, a Çimma è così deliziosa da aver ispirato persino una nota canzone di Fossati e De André. Vi basterà passeggiare per i vicoli del centro storico di Genova o lungo i portici di Sottoripa per farvi raccontare dagli anziani del posto un’antica leggenda legata a questa prelibatezza. Si narra infatti che per preparare un’ottima cima sia necessario lasciare in un angolo della cucina una scopa in bella vista, per scacciare la strega che ogni volta tenterà di far scoppiare la pietanza durante la cottura.
vedere a genova

A chi ama passeggiare nella natura o perdersi alla scoperta di immagini di Genova sconosciute ai più, consigliamo ora altre imperdibili tappe, capaci di mostrare Genova e le sue strade da una nuova prospettiva. Ecco quindi, selezionate per i nostri lettori, alcune cose da vedere a Genova che, forse, non vi sareste mai aspettati di scoprire nel vostro viaggio in questa bellissima città.

  • I Forti di Genova: sapevate che il capoluogo ligure ospita sulle sue alture lo splendido “Parco delle Mura”? Qui gli amanti del trekking potranno esplorare alcuni forti militari edificati tra il XVII e il XIX secolo. Il percorso che vi suggeriamo di seguire comincia della funicolare del Righi (capolinea superiore) e procede attraverso i Forti Castellaccio e Sperone, a 450 metri di altezza. Quindi potrete proseguire verso il Forte Begato, risalente all’Ottocento, oppure in direzione del Forte Puin e del Forte Diamante a ben 660 metri di quota. Da qui potrete godere di una vista mozzafiato sulla città di Genova e concedervi una pausa in mezzo alla natura dopo aver girato in lungo e in largo a Genova e nel centro storico.
cose da visitare a genova
  • Cimitero Monumentale di Staglieno: visitabile in autonomia o attraverso percorsi guidati, e suddiviso in aree tematiche, il Cimitero Monumentale di Staglieno è uno dei più bei luoghi d’arte a Genova. Ideato da Carlo Barabino nel 1835 e progettato da Giovanni Battista Resasco, questo luogo è composto da magnifici porticati, viali alberati, moltissimi monumenti d’inestimabile bellezza e la famosa Cappella dei Suffragi. Simbolo della Genova dell’Ottocento e del Novecento, il cimitero di Staglieno ha catturato l’attenzione di molti scrittori e personaggi illustri come Ernest Hemingway, Mark Twain e Guy De Maupassant.
cosa fare genova
  • Spianata Castelletto: affacciato sul centro storico di Genova, il Belvedere Montaldo Luigi è uno dei posti più romantici della città e si può raggiungere tramite il famoso ascensore liberty citato in una nota poesia di Giorgio Caproni. Offrendo una splendida vista di Genova di notte, Spianata Castelletto vi consentirà di ammirare Genova e le sue strade dall’alto e di lasciar correre lo sguardo a 360 gradi dalle viuzze della città vecchia ai moli del porto.
genova visita
  • Passeggiata Anita Garibaldi: Avreste mai immaginato che a pochi passi de Genova centro vi fosse una lunga passeggiata di mattoni rossi a picco sul mare? Collegata alla stazione di Genova Nervi da una comoda stradina, la Passeggiata Anita Garibaldi si snoda per circa 2 km dal pittoresco porticciolo di Nervi all’antico scalo di Capolungo. Se siete alla ricerca di belle cose da fare a Genova, lasciatevi quindi guidare dall’intuito dei residenti che da anni sono soliti concedersi lunghe passeggiate di fronte a questo panorama mozzafiato incorniciato dal profumo di salsedine e dal cielo terso tipico delle ventose giornate liguri.
genova attrazioni

Cosa vedere a Genova in un giorno: una passeggiata al Porto Antico

Visitare Genova in un giorno è complesso ma non impossibile: basterà concentrarsi sui posti più caratteristici e importanti della città. Siccome però a Genova di luoghi d’interesse ce ne sono davvero molti, dovremo limitare la nostra visita a un’area ben precisa della città, scegliendo magari quella che suscita in noi maggiore interesse e curiosità. Quel che consigliamo ai nostri lettori, desiderosi di conoscere la vera anima della città di Genova, è di dedicare la loro visita di Genova in un giorno al Porto Antico.
Giorno 1

  • Partiamo dall’Acquario di Genova che in 70 vasche e numerose sale dislocate in 27.000 metri quadri di superficie espositiva ospita oltre 12.000 animali di varie specie. Se vi state domandando cosa vedere Genova con i bambini, sappiate che questa struttura espositiva è particolarmente adatta a gite in famiglia ed è apprezzatissima dai più piccoli. L’Acquario, tuttavia, è davvero molto grande e visitarlo con calma, padiglione dopo padiglione, vi porterà a trascorrere al suo interno almeno tre ore.
  • Procediamo quindi con una visita al Galata Museo del Mare. Ubicato al Porto Antico, questo museo navale offre a turisti e visitatori postazioni multimediali e strumentazioni di realtà virtuale insieme a fedeli ricostruzioni, opere d’arte e una collezione di antichi cimeli di grandissimo valore.
  • È finalmente giunto il momento di godersi una pausa di relax al Porto Antico! Vero e proprio gioiello nel centro di Genova, il Porto saprà affascinarvi con le sue atmosfere e trascinarvi in un viaggio nel tempo: vi basterà chiudere gli occhi per qualche istante, di fronte a Piazzale Mandraccio, per essere catapultati in un mondo fatto di profumi esotici e lingue sconosciute, e perdervi nel lavorio concitato dei vecchi moli dove un tempo venivano svolte tutte le attività portuali della città di Genova
  • Le cose da fare a Genova oggi non sono finite! Siete pronti ad ammirare il simbolo più importante e amato del capoluogo ligure? La Lanterna, edificata nella sua forma attuale nel 1543, si staglia altissima sul mare (la torre misura ben 77 metri!) mentre da secoli la luce del suo faro, visibile a 57 km di distanza, indica la via ai naviganti in arrivo al Porto di Genova. Nell’ultima tappa di questo vostro viaggio a Genova in un giorno potrete arrivare fino alla prima terrazza del faro e godere di un panorama indimenticabile sul Porto.

Cosa vedere a Genova in due o tre giorni: l’arte del centro storico

Il secondo percorso studiato da Cose di Viaggio, pensato appositamente per chiunque voglia visitare Genova in 3 giorni, sarà un itinerario all’insegna dell’arte del centro storico di Genova. Vicoli, chiese, palazzi storici e musei gratis di Genova faranno parte di questo tragitto che vi consentirà di organizzare una visita approfondita alla scoperta del capoluogo ligure e delle sue preziose bellezze.

Giorno 2

  • Non sapete cosa fare a Genova questo weekend? Partite insieme a noi alla volta della prima tappa del nostro secondo itinerario: il Complesso Monumentale che include Porta Soprana, il Chiostro di Sant’Andrea e la casa natale di Cristoforo Colombo. Salendo lungo Via di Porta Soprana potrete notare la casa di Cristoforo Colombo, struttura che, in origine, pare fosse sviluppata su due piani. Qui avrebbe vissuto, dal 1455 al 1470, l’esploratore genovese insieme alla sua famiglia. Basterà sollevare lo sguardo per vedere, in sequenza, lo splendido Chiostro di Sant’Andrea, colonnato antico dove tutt’oggi molti genovesi sono soliti darsi appuntamento per godersi un angolo di pace nel cuore del centro storico di Genova, e Porta Soprana, il cui restauro ci mostra l’aspetto che l’antico punto d’accesso alla città aveva ai tempi delle Mura del Barbarossa.
  • Incamminiamoci ora verso Piazza De Ferrari, vero e proprio museo a cielo aperto da visitare a Genova. Con la sua bellissima fontana, la piazza è il punto d’incontro delle più importanti strade cittadine: Via XX Settembre, salotto buono del capoluogo ligure e via dello shopping, Via Dante e Via Roma. Su Piazza De Ferrari si affacciano tanti palazzi e il celebre Teatro Carlo Felice che potrete visitare con tutta calma. Forse non lo sapete, ma quasi tutti i luoghi d’arte di Genova sono animati da misteriose leggende e storie di fantasmi. Non dimenticate quindi di cercare il fantasma di Leyla Carbone! Lo spirito di questa ragazzina, amante della musica e dell’arte, si aggirerebbe tutt’oggi nei pressi del Teatro Carlo Felice.
  • Seguendo con gli occhi i giochi d’acqua della fontana e alzando lo sguardo, non potrete non notare Palazzo Ducale. Frutto di numerosi rifacimenti e restauri, lo storico edificio presenta due maestose facciate: una su Piazza De Ferrari e l’altra su Piazza Matteotti, racchiusa fino alla metà del XVII secolo da una cortina di protezione. Oltre ai magnifici cortili e ai saloni, al suo interno potrete ammirare gli affreschi della Cappella del Doge e le carceri della Torre Grimaldina all’interno delle quali è tutt’oggi possibile osservare, nella cosiddetta cella degli artisti, antichi disegni di navi da guerra, dame, cavalieri e mongolfiere.

cosa visitare genova

  • E proprio da Piazza Matteotti ci sposteremo quindi nella bellissima Via San Lorenzo che ci condurrà, dopo pochi passi, alla Cattedrale di San Lorenzo. Considerato uno dei più bei monumenti di Genova, il duomo cittadino ha pianta basilicale e transetto e coro triabsidato e conserva al suo interno preziosi marmi policromi, splendidi stucchi, dorature e moltissime opere d’arte pittoriche e scultoree tutte da scoprire. Tra le tante attrazioni di Genova troviamo poi, all’interno della basilica, la famosissima copia dell’ordigno inesploso che durante la Seconda Guerra Mondiale sfondò il tetto dell’edificio.
  • Torniamo ora su Via San Lorenzo. Percorrendola in discesa, ammirando i suoi palazzi nobiliari, i tondi marmorei incastonati qua e là e le bellissime edicole votive, raggiungeremo la zona di Sottoripa e Palazzo San Giorgio. Qui, secondo antiche leggende, fu imprigionato Marco Polo durante la seconda metà del XIII secolo, mentre nel 1405, tra le mura del palazzo vide la luce la prima istituzione bancaria nella storia dell’Italia dei Comuni: la Casa delle Compere e dei Banchi di San Giorgio.
  • Dopo aver visitato questo storico edificio, tra le tante cose da fare a Genova vi suggeriamo infine una passeggiata sotto le volute medievali dei portici di Sottoripa. Qui respirerete la vera aria del porto! Entrando poi in una delle tante friggitorie storiche della zona, potrete gustare un buon fritto di pignolini (pescetti) e alici, oppure assaggiare i tipici frisceu (frittelle di pastella) e le panissette di ceci.


Giorno 3

Il terzo giorno a Genova sarà interamente dedicato all’arte. Passeggiare per le vie del centro storico del capoluogo ligure, infatti, vi consentirà di scoprire tutti i segreti della Genova antica, abitata da nobiluomini, dame e cardinali.

  • La terza e ultima tappa del percorso pensato per decidere cosa vedere a Genova in tre giorni si snoda lungo la centralissima Via Garibaldi. Cosa c’è da vedere a Genova che ci guidi alla scoperta della storia della città se non i famosi Palazzi dei Rolli? Queste ricche abitazioni costruite dai genovesi quando la Repubblica di Genova godeva del massimo splendore in ambito marittimo e finanziario costituiscono un patrimonio artistico e culturale inestimabile e ospitano al loro interno secoli di storia, arte pittorica, tradizioni e ricchezze. Molti dei 42 palazzi storici del Sistema dei Rolli inseriti nel Patrimonio dell’Umanità UNESCO si trovano proprio in Via Garibaldi, un tempo chiamata Strada Nuova. Qui potrete ammirare appunto i Musei di Strada Nuova: prezioso itinerario espositivo interamente dedicato all’arte antica che include Palazzo Tursi, Palazzo Bianco e Palazzo Rosso. Le cose da fare a Genova sono davvero molte e avrete sicuramente l’imbarazzo della scelta, ma non illudetevi: non è certo che vi basti una giornata intera per visitare tutti i Palazzi dei Rolli, disseminati qua e là come gemme preziose incastonate per le vie del centro storico di Genova.

Cosa vedere a Genova in una settimana: mare e dintorni

Se sarete fortunati e alla vostra visita a Genova potrete dedicare qualche giorno in più, allora dovrete seguire i suggerimenti del nostro ultimo itinerario, studiato ad hoc per chi, oltre che esplorare la città di Genova, voglia concedersi una capatina nei più bei luoghi da visitare in Liguria.
Vi consigliamo quindi, se vi state domandando cosa vedere a Genova in una settimana, di aggiungere ai percorsi che vi abbiamo già proposto queste ulteriori tappe che vi consentiranno di apprezzare la bellezza della Liguria e immagini di Genova inedite che non vi sareste aspettati di scoprire.

  • La spiaggia di Boccadasse: villaggio di pescatori che sembra essersi cristallizzato nel tempo, il borgo di Boccadasse è senza subbio una delle cose da vedere a Genova che maggiormente sapranno catturare le vostra attenzione. Qui, ammirando il più bel tramonto sul mare che la città possa offrirvi, vi suggeriamo di godervi un buon aperitivo d’asporto, da consumare, proprio come fanno i genovesi, seduti sul bagnasciuga.
  • La Passeggiata di Nervi: non troppo distante da qui, troverete la Passeggiata Anita Garibaldi, meta prediletta dai residenti per piacevoli passeggiate domenicali. Nel capoluogo ligure i posti da visitare sono molti, ma questo splendido camminamento in mattoni rossi è considerato da turisti e viaggiatori uno dei luoghi più belli d’Italia.
  • Portofino: chi di voi, parlando di Genova e turismo, non ha mai sentito nominare Portofino? Luogo simbolo della Riviera Ligure, questo borgo colorato e molto elegante è divenuto col tempo una delle mete turistiche più visitate del Mediterraneo. Godetevi la bellezza della baia nella famosa piazzetta ma fate attenzione: se oltre ai monumenti della Liguria apprezzate anche l’indole parsimoniosa degli abitanti di questa regione, controllate sempre il prezzo prima di ordinare la consumazione! Lo splendido borgo ligure infatti non è di certo una meta economica.
  • Le Cinque Terre: se vi state domandando cosa vedere vicino Genova per concludere in bellezza il vostro viaggio, la risposta è solo una: le Cinque Terre. Collocati sulla costa ligure tra Genova e La Spezia, i borghi di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore possono essere raggiunti in treno o via mare e, con il loro fascino intramontabile, tra ripidi sentieri e scogliere a picco sul mare, incantano chiunque decida di visitare Genova e le meraviglie della Liguria.
genova e dintorni da vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
© 2021 Cose di Viaggio è un sito Giddy Up Srl - P.IVA 14849541009
Close