Checkpoint Charlie: l’ultimo punto di controllo tra Berlino Est e Berlino Ovest

Quando si decide di visitare Berlino, tra le cose da vedere non si può assolutamente tralasciare Checkpoint Charlie. Perché? Innanzitutto è un luogo di immensa valenza storica, simbolo di tutto ciò che fu la divisione tedesca. In secondo luogo, è gratuito e di passaggio per visitare altre attrazioni, come il Museo Ebraico di Berlino o la Porta di Brandeburgo. Anche se cercate cosa vedere a Berlino in 3 giorni o poco più, Checkpoint Charlie può essere tranquillamente incluso nelle attrazioni da non perdere, dal momento che vi ruberà davvero pochi minuti… e un pezzo di cuore.

Cosa vedere a Berlino: Checkpoint Charlie

Berlino è l’emblema della Germania risorta dalle ceneri. Tutto ciò che riguarda uno dei suoi periodi più bui non è distrutto né occultato. Dimenticare e rinnegare la Storia sarebbe inutile, quando invece si può tenere bene a mente ciò che è stato per fare sì che non si ripeta mai più. Ed ecco allora che a memoria della Germania divisa e poi riunificata, vicino a concentrati di modernità come Potsdamer Platz troviamo, a contrasto, resti del Muro di Berlino e l’ultimo punto di passaggio tra le ormai inesistenti due Germanie: il Checkpoint Charlie, una tappa obbligata se decidete di visitare Berlino.

Checkpoint Charlie, Berlino: la storia

La storia del Muro di Berlino e quella del Checkpoint Charlie sono inevitabilmente legate: senza il primo non sarebbe esistito il secondo. Non ci dilungheremo nel raccontarvi tutta la storia del Muro di Berlino (che potete trovare, insieme a tutte le informazioni utili per visitarlo, nell’articolo dedicato), ma solo quello che riguarda questo punto di controllo. Checkpoint Charlie si trova in Friedrichstraße, all’altezza dei civici 43-45, all’incrocio con Zimmerstraße, dove il muro separava i quartieri Mitte e Kreuzberg. Da lontano noterete il celebre cartello che vi avverte, in inglese, russo, francese e tedesco, che state lasciando il settore americano. Per la sua iconicità, questo cartello è entrato a far parte dell’insieme dei ricordi-simbolo degli anni della divisione della Germania. A terra, una fila di mattoni vi indicherà dove si trovava originariamente il Muro di Berlino.

checkpoint charlie berlin

Come dice la stessa parola checkpoint (significato: punto di controllo), questo era infatti il varco attraverso il quale si passava dalla Berlino Ovest alla Berlino Est e – raramente – viceversa. Voluto dal presidente statunitense John F. Kennedy, dal 1961 al 1989 qui passavano i militari di ambo le fazioni, il personale diplomatico, gli stranieri in visita a Berlino Ovest e le forze alleate, ma anche molti civili nel tentativo di fuggire verso il settore americano. Il Checkpoint Charlie fu anche teatro di diverse vicende, tra cui un momento di altissima tensione che si verificò alla fine dell’ottobre 1961, quando i carri armati statunitensi e quelli sovietici si trovano in un pericoloso faccia a faccia. Tutta la popolazione tremò al pensiero di uno scontro, che però, fortunatamente, non avvenne.

checkpoint charlie 1961
Con la caduta del Muro di Berlino (9 novembre 1989), l’utilità del Checkpoint Charlie venne meno e fu quindi smantellato. Smantellato, ma non distrutto: ad oggi l’originale si può visitare all’interno dell’Alliierten Museum (Museo degli Alleati), mentre quella che vediamo su Friedrichstraße è una replica. Questa riproduzione della cabina di controllo americana è stata inaugurata il 13 agosto 2000 e ci permette di capire come fosse fatta e dove si trovasse esattamente.

Leggi anche: Reichstag: la sede del Bundestag e non solo da scoprire a Berlino

Berlino, Checkpoint Charlie: curiosità e avvenimenti

  • Come detto, il significato di Chekpoint è “punto di controllo”, ma molti si chiedono per cosa stia “Charlie“. Deriva dall’alfabeto fonetico NATO, in base al quale a ogni lettera dell’alfabeto corrisponde una parola univoca che, per la C, è appunto Charlie. Oltre a questo punto di controllo ne esistevano infatti anche altri, ovvero Checkpoint Alpha (locato nel valico autostradale di Helmstedt) e Checkpoint Bravo (valico di Dreilinden).
  • La denominazione del Checkpoint Charlie non era univoca: per i sovietici era il “punto di passaggio Friedrichstraße”, mentre per i tedeschi della Germania Est era il Grenzübergang Friedrichstraße – Zimmerstraße (valico di frontiera Friedrichstraße – Zimmerstraße).
  • Originariamente la guardiola era in legno, e solo successivamente è stata rimpiazzata da quella che vediamo ora (che a sua volta è una replica dell’originale).
  • Nel 2000, per fare spazio alla costruzione di nuovi edifici, la torre di guardia del Checkpoint Charlie è stata rimossa.
  • Chekpoint Charlie è anche il nome di un gioco da tavolo, basata sull’agilità mentale e sulla deduzione, dove lo scopo è trovare il capo delle spie tramite gli indizi forniti.
  • La canzone di Lucio Dalla “Futura” è stata scritta proprio qui. Il cantante raccontò infatti che, di passaggio a Berlino, chiese al tassista di fermarsi qualche minuto nei pressi di Checkpoint Charlie e si fermò a fumare una sigaretta seduto su una panchina. Poi Dalla prosegue: “poco dopo si fermò un altro taxi. Ne discese Phil Collins che si sedette nella panchina accanto alla mia e anche lui si mise a fumare una sigaretta. In quei giorni a Berlino c’era un concerto dei Genesis, che erano un mio mito. Tanto che mi venne la tentazione di avvicinarmi a Collins per conoscerlo, per dirgli che anch’io ero un musicista. Ma non volli spezzare la magia di quel momento. Rimanemmo mezz’ora in silenzio, ognuno per gli affari suoi. In quella mezz’ora scrissi il testo di Futura, la storia di questi due amanti, uno di Berlino Est, l’altro di Berlino Ovest che progettano di fare una figlia che si chiamerà Futura“.

  • Checkpoint Charlie fu teatro di diversi eventi nefasti rimasti nella storia. Da qui passarono svariate decine di persone nel tentativo di scappare verso Berlino Ovest, in modi tanto disperati quanto, a volte, spettacolari. Queste fughe sono raccontante nel Museo del Muro poco lontano dal Checkpoint Charlie.
  • La “terra di nessuno” tra le due fila di muri cui il Checkpoint Charlie faceva da varco fu la tomba di diversi fuggitivi. La vittima che più fece scalpore all’epoca fu Peter Fechter. Il ragazzo all’ora diciottenne tentò la fuga il 17 agosto 1962. Le forze armate a presidio del Muro avevano espresso ordine di sparare a vista, ma i colpi che ferirono Peter Fechter non lo uccisero all’istante: morì lentamente, dissanguato, sotto gli sguardi attoniti e impotenti di tutti. Anche il poliziotto tedesco Burkhard Niering è ricordato ancora oggi tra le più famose vittime del Muro di Berlino. Egli tentò di fuggire attraverso Checkpoint Charlie prendendo come ostaggio un collaboratore del controllo passaporti. Così facendo inizialmente i soldati non lo colpirono, ma non appena Niering si dovette allontanare dall’ostaggio per superare una sbarra, fu colpito a morte.
  • C’è una controversia sul famoso cartello di Checkpoint Charlie: sembra che un americano di nome Alan Wolan lo abbia rubato nell’estate del 1990 insieme ad alcuni amici. La voce è stata smentita dal direttore della Haus am Checkpoint Charlie, Alexandra Hildebrandt, ma c’è la possibilità che entrambi sostengano il vero. I cartelli erano infatti numerati, ma alcuni vennero rimpiazzati poco prima che il Muro cadesse poiché danneggiati, e quindi senza il numero visibile.
checkpoint berlino
Leggi anche: Porta di Brandeburgo: storia, curiosità e informazioni sul simbolo tedesco per eccellenza

Checkpoint Charlie e il Museo del Muro, Berlino

Poco lontano da Checkpoint Charlie troviamo anche il Museo del Muro (Mauermuseum). Questo museo è nato ad opera del Dott. Rainer Hildebrandt, un combattente tedesco della resistenza anticomunista e storico. Inizialmente era solo una mostra sul Muro di Berlino, costruito appena un anno prima, allestita all’interno di un appartamento in Bernauer Straße, poi spostato nella sede attuale. Qui ripercorrerete gli anni del Muro e ciò che accadde vicino e attraverso il Checkpoint Charlie, in particolare per quanto riguarda i tentativi di fuga. Non solo avrete modo di vedere e ascoltare le testimonianze dirette di chi ha vissuto quegli anni, ma anche gli stessi oggetti utilizzati per fuggire, in una varietà del tutto inaspettata. C’è chi ha tentato di scappare “semplicemente” in macchina, chi si è ingegnato con mongolfiere casalinghe, aquiloni a motore, mini-sottomarini monoposto e altri mezzi a motore “truccati”, addirittura finte tavole da surf. Il museo raccoglie anche le opere di numerosi artisti, i quali hanno voluto dare il loro contributo interpretando tutto ciò che ha significato il Muro di Berlino, ed è in costante evoluzione. Ogni anno si aggiungono nuovi elementi a quest’imponente collezione, integrando il passato ai drammi del presente con mostre su temi sempre attuali, prima tra tutti la lotta per i diritti dell’uomo.

berlino cosa visitare
Leggi anche: Duomo di Berlino o Berliner Dom: la chiesa più importante della capitale tedesca

Museo del Muro, Berlino: biglietti e orari

Il Museo del Muro di Berlino è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 22. Per quanto riguarda i biglietti del Museo del Muro di Berlino ecco i prezzi:

  • Adulti: € 14,50
  • Studenti universitari: € 9,50
  • Studenti dai 7 ai 18 anni: € 7,50
  • Bambini fino ai 6 anni: gratis

Visitare il Museo del Muro a Berlino è alla portata di tutti grazie alle audioguide in diverse lingue dal costo di € 5,00, mentre per fare foto è richiesto un contributo di € 5,00. A disposizione gratuitamente troverete degli armadietti dove riporre i vostri abiti e le vostre borse.

checkpoint charlie museo

Documentarie e film

Ogni giorno, dalle 9 alle 22, vengono proiettati film e documentari a tema:

  • 9.30: Das Wunder von Berlin
  • 11.30, 13.30, 15.30: Mit dem Wind nach Westen
  • 17.30: Die Hungersnot 1933
  • 19.30: Mein Kampf

Inoltre, sono presenti in programmazione anche altri film in inglese sottotitolati in francese e spagnolo:

  • Storm Warning
  • The Hasty Heart
  • The Winning Team
  • Knute Rockne, All American
  • Kings Row
  • One, Two, Three (tedesco, inglese, italiano e francese)

Berlino: cosa vedere vicino al Checkpoint Charlie

Vicinissimo al Checkpoint Charlie, se visitare Berlino vi ha fatto venire un certo languorino, ci sono diverse opzioni. Tralasciando il noto KFC, c’è un caffè storico. All’epoca si chiamava Adler Cafè, oggi ribattezzato e modernizzato, Einstein Kaffee. Un tempo qui c’era anche un punto di osservazione molto sfruttato per osservare ciò che accadeva nel lato Est del Muro. Oggi è rinomato per la colazione a base di strudel servito con panna.
Dal lato opposto della strada troviamo il Mauermuseum Shop. Probabilmente uno dei migliori negozi dove acquistare non solo souvenir adatti davvero a tutti e a tutte le tasche (tra cui pezzi del Muro), ma anche oggettistica per la casa in stile retrò. Ovviamente non mancano souvenir con tutti i simboli di Berlino: dall’orso dell’araldica, alle riproduzioni dei famosi pulmini Volkswagen e delle Trabant, e l’Ampelmann, l’iconico omino del semaforo di Berlino.

museo checkpoint charlie

Poco prima di arrivare al Checkpoint Charlier, impossibile da non vedere, c’è il Panorama Asisi. L’opera di Yadegar Asisi si presenta come un edificio in acciaio di forma cilindrica. Al suo interno sono rappresentate delle scene di com’era la vita quotidiana a Berlino Est e Berlino Ovest, ambientata in un giorno, romanzato, degli anni ’80. In realtà qui l’artista ha riversato i suoi ricordi e le storie che ha sentito e testimoniato, nell’ottica di rappresentare come l’uomo sia in grado di adattarsi a ogni situazione a costo di vivere in una parvenza di normalità. Qui il visitatore si troverà in una full immersion:  la gigantesca immagine ruotante in scala 1:1 e gli effetti sonori vi faranno sentire veramente trasportati indietro nel tempo. Il Panorama Asisi è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18. L’ingresso costa 10€ per gli adulti e 4€ per i bambini. I prezzi sono scontati del 25% per chi possiede la Berlin Welcome Card e gratuito per chi invece presenta la Berlin Welcome Card All Inclusive.
Infine, con 10 minuti a piedi potete raggiungere anche il Museo Ebraico di Berlino e a 20 minuti a piedi la Porta di Brandeburgo.

film charly

Come arrivare al Checkpoint Charlie

Come detto, Checkpoint Charlie si trova all’aperto al centro della strada, quindi non ci sono orari per visitarlo. Indubbiamente è una delle cose da vedere a Berlino, e quindi la zona è perennemente affollata. Il momento migliore per trovare meno folla è probabilmente la mattina presto e l’ora di pranzo. Per verificare la presenza di eventi, manifestazioni e news, potete consultare il sito ufficiale del Checkpoint Charlie.
Si può arrivare via autobus con le linee

  • M29
  • M48
  • N6

Le fermate utili sono Charlottenstraße, Wilhelmstraße /Kochstraße e Jerusalemer Straße.

In alternativa, si può arrivare via metro (U-Bahn):

  • linea U6 – U Kochstr/Checkpoint Charlie
  • linea U2 Stadmitte


Leggi anche: Potsdamer Platz, la zona più moderna di Berlino da vedere

Le recensioni del Checkpoint Charlie

Benché ora non ci sia più nulla dell’originale, ma solo fedeli riproduzioni, questo luogo non smette di affascinare. Il consiglio di chi ci è stato è sempre lo stesso: fermarsi un momento a riflettere sul significato del Checkpoint Charlie e di cosa ha rappresentato il Muro di Berlino. Ecco cosa dicono le recensioni sulla pagina TripAdvisor dedicata:

berlino luoghi da visitareberlino cosa fare

berlino posti da visitarecosa visitare berlino
Leggi anche: Alexanderplatz e la Torre della Televisione, un must nella Berlino da vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
© 2021 Cose di Viaggio è un sito Giddy Up Srl - P.IVA 14849541009
Close