Zoo di Berlino, il più famoso zoo d’Europa nel cuore della capitale tedesca

Cosa visitare a Berlino che accontenti grandi e bambini? Senza ombra di dubbio, il famoso Zoo di Berlino! Un luogo che non solo ha ispirato romanzi e canzoni, ma che si prodiga attivamente per la tutela delle specie a rischio estinzione. Qui il bambino che è in tutti gli adulti resterà a bocca aperta davanti alle meraviglie del regno animale, mentre i più piccoli potranno scoprire divertendosi in un ambiente fatto a misura loro. Un must tra le cose da fare a Berlino per dire di aver esplorato davvero il lato naturale e il lato cosmopolita della città.

Cosa vedere a Berlino: Zoologischer Garten, lo Zoo di Berlino

Quando sentiamo parlare dello zoo di Berlino il pensiero va inevitabilmente a “Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino“. Fortunatamente gli eventi raccontati nel romanzo sono molto lontani dalla realtà attuale, che fa di questa attrazione una delle principali cose da vedere a Berlino. Lo zoo di Berlino, in tedesco Zoologischer Garten (da non confondere con il Tiergarten), è infatti del più famoso zoo di tutta Europa, che ogni anno richiama visitatori da tutto il mondo e di tutte le età. Recentemente alcune star a quattro zampe hanno enormemente contribuito alla fama dello zoo: come dimenticare l’adorabile orsetto polare Knut o il panda gigante Bao Bao? Se siete in procinto di visitare Berlino, in particolare se viaggiate con bambini, non lasciatevi sfuggire l’occasione di vedere da vicino le più di 1.200 specie animali ospiti dello Zoo di Berlino.

Zoologischer Garten, lo Zoo di Berlino

Lo Zoo di Berlino è molto antico: è stato fondato addirittura nel 1844, per volere del re Federico Guglielmo IV. Nel corso dei secoli ha ospitato animali di ogni provenienza, e oggi è in prima linea nella tutela degli animali a rischio estinzione. Questo giardino zoologico, come detto, attira milioni di turisti ogni anno, sopratutto famiglie con bambini che restano sempre meravigliati dagli animali presenti. Tra l’altro, questo zoo si distingue dagli altri per due aspetti: si trova in pieno centro cittadino, costituendo un polmone verde e una vera e propria istituzione berlinese. In più, accanto ad animali esotici da ogni angolo del mondo, trovano spazio anche quelli più famigliari e domestici, ma che ormai sono quasi altrettanto rari da osservare. C’è infatti una zona dedicata proprio ai più piccoli (e non solo) con un “petting zoo” dove accarezzare, giocare e dare da mangiare a caprette, coniglietti e altri animali da fattoria. Per girare lo Zoo di Berlino, la mappa è davvero indispensabile:

zoo berlino

Ci sono due porte diverse da cui accedere allo Zoo di Berlino:

  • La porta degli Elefanti: si trova dalla parte di Budapester Strasse e ha un colorato stile asiatico. Le due colonne alla base della pagoda in legno rosso sono costituite da altrettanti elefanti. Durante la Seconda Guerra Mondiale la Porta degli Elefanti originale è stata distrutta, e quella dalla quale entriamo oggi allo Zoo di Berlino è una replica del 1899. Per alcuni la Porta degli Elefanti entra a pieno diritto tra i monumenti di Berlino.
  • La Porta dei Leoni: su Hardenbergerplatz due enormi leoni riposano e vi osservano entrare e fare i biglietti per entrare nello Zoo di Berlino. Questa è l’entrata che incontrate scendendo alla fermata della metro Zoologischer Garten. Appena entrati, a sinistra, vi troverete davanti a una sorpresa grande in tutti i sensi: la Casa degli Elefanti.
berlino zoo

Leggi anche: Muro di Berlino, un pezzo di storia da vedere nella capitale tedesca

Cosa vedere nello Zoo di Berlino: le diverse aree tematiche

Il giardino zoologico è diviso in diverse aree tematiche:

  • La baia degli ippopotami: il regno degli ippopotami. A separarvi dalla loro vasca c’è una parete di vetro spessa 8 centimetri da cui poterli osservare mentre nuotano placidi in circa 5 milioni di litri d’acqua. Ogni giorno alle 14:15 è l’ora del pranzo per questi ippopotami, e da dietro il vetro potrete assistere a questo maestoso spettacolo! Controllate sempre il sito dello zoo per eventuali modifiche dei cosiddetti “feeding times”.
  • Il Canyon dell’Aquila: qui verrete accolti proprio dall’animale che dà il nome a quest’area: l’Aquila Reale. Avrete modo di osservare diversi volatili, come per esempio il capovaccaio (anche conosciuto come avvoltoio egiziano), volare liberi in 800 mq di spazio come accade in rarissimi zoo nel mondo. Una volta passata la cascata, il sentiero vi condurrà in un bosco scandinavo popolato da uccelli notturni come il gufo e il gufo delle nevi. Questa immensa voliera si trova proprio accanto all’alta montagna, casa di intrepidi stambecchi. Un consiglio: se non riuscite a trovarli tra le rocce, provate a guardare più su!
  • Il mondo dei Pinguini: non poteva certo mancare uno spazio dedicato agli amici che vivono al freddo, come le foche, pinguini, leoni marini. Incredibili acrobazie, battibecchi e scorpacciate di pesciolini in un ambiente alla temperatura costante di 8°.
zoo berlino animali
  • Il mondo degli Uccelli (Welt der Vögel): questa voliera è un vero e proprio percorso alla scoperta dei cinque continenti attraverso i volatili che li abitano: dai Kiwi neozelandesi ai variopinti pappagalli, passando per i fagiani vietnamiti, a rischio estinzione. Molto interessanti le spiegazioni relative all’anatomia delle diverse specie in relazione ad alimentazione e habitat, oltre agli approfondimenti sulle migrazioni e sui nidi. Il pezzo forte sono senza ombra di dubbio le due sale in cui si possono osservare gli uccelli liberi di volare, per una full immersion in questo mondo piumato e coloratissimo.
  • La Casa delle Antilopi: risalente al 1872, è l’edificio più antico di tutto lo zoo di Berlino rimasto in piedi dopo la guerra, nonché la struttura più iconica, rappresentativa e imponente. Nei suoi 2000 mq di area in stile neomoresco ospita diverse specie di ungulati, come giraffe e antilopi. Al suo interno troviamo anche la mostra permanente dal titolo “Berlin Zoo Histories” che ci racconta l’intera storia dello zoo, dalla sua nascita ai giorni nostri.
hotel zoo berlin
  • Il cuore romantico: tra il Giardino dei Panda e la Casa dei Predatori, un angolo pittoresco e fatato di 33 ettari. Qui troverete zebre, bisonti, pecari e renne. Questa zona è stata mantenuta nello stesso aspetto che aveva cent’anni fa, e seguendo lo stesso criterio. Al contrario degli zoo moderni, in cui gli animali vengono raggruppati per habitat, qui il filo conduttore sono i criteri tassonomici. Per questo motivo troverete negli stessi spazi bisonti e bestiame, o zebre di Grévy e zebre di Grant. I bambini ameranno mettere a confronto le strisce delle due specie di zebre!
  • Il Giardino dei Panda: il simbolo degli animali in via di estinzione dal 2017 è diventato ospite dello Zoo di Berlino. Lo riconoscete senza ombra di dubbio dalla struttura orientaleggiante immersa in uno scenario che riproduce le montagne cinesi. Con un po’ di fortuna potrete osservare i meravigliosi panda giganti giocare, rotolarsi, mangiare o semplicemente rilassarsi vicino al laghetto. Al momento questa è la casa di Meng Meng, il suo compagno Jiao Qing e la coppia di fratellini Pit e Paule.
  • Casa dei Carnivori: il giaguaro, il leone californiano, la pantera e tanti altri predatori rari sono fotografati ogni giorno da migliaia di visitatori. Nel 2021 dovrebbe essere inaugurata anche la nuova zona dell’Impero dei Felini.
  • Infine, tra le altre zone tematiche presenti all’interno dello Zoo di Berlino troverete una fagianeria (pheasantry), la Casa dei Primati e la Casa degli Elefanti. Superato un romantico ponticello (Lichtensteinbrücke) vi aspettano emù, canguri, vombati e molti altri animali.
zoo berlino prezzi

Leggi anche: Isola dei Musei, Berlino: 5 musei al centro della città da vedere assolutamente

Aquarium Berlin

Entrando dalla Porta degli Elefanti (Elefantentor), sulla vostra destra vi imbattete in una meravigliosa vasca dove nuotano eleganti delle carpe koi giapponesi. È solo un assaggio di quello che troverete all’interno dell’Aquarium, un acquario che entusiasma grandi e bambini con la sua ricca varietà di animali acquatici. Oltre a pesci coloratissimi e minuscole meduse tra un intrico di coralli, al piano terra troverete ben sette vasche in cui potrete guardare da vicino animali affascinanti come gli squali.
All’interno dell’Aquarium, al piano superiore, da quasi 100 anni si trova la Sala dei Coccodrilli e diversi terrari che ospitano tartarughe, serpenti e altri rettili. Infine, all’ultimo piano, uno spazio che o si ama o si odia: l’insettario, il regno di anfibi e insetti. Affascinante il percorso delle formiche, visibile attraverso tubi in plastica trasparente.

zoo di berlino animali

Leggi anche: Porta di Brandeburgo: storia, curiosità e informazioni sul simbolo tedesco per eccellenza

Il Großer Tiergarten e la Colonna della Vittoria

Lo Zoo di Berlino confina, e fa parzialmente parte, del Großer Tiergarten, un enorme parco pubblico veramente speciale. Nasce nel 1527 come zona di caccia reale: un vero e proprio bosco dove cacciare animali selvatici, specialmente cervi, obbligati a rimanervi all’interno grazie alle recinzioni esterne. Con la progressiva crescita della città di Berlino il terreno a disposizione per la caccia si è mano mano ridotto. Contemporaneamente, i sovrani che si sono succeduti hanno apportato modifiche, edificando strutture ancora visibili e, sopratutto, facendo passare attraverso il bosco alcune strade principali di Berlino, come Unter den Linden.
Ad oggi il Großer Tiergarten è un polmone verde meraviglioso, un’oasi di pace fatta di laghi, boschi, prati e sentieri naturalistici. Questo immenso parco è davvero uno degli elementi che rende Berlino una città perfettamente bilanciata tra storia, natura, modernità e animo cosmopolita.
Se vi capita di visitare Berlino e il Großer Tiergarten d’estate, meglio essere psicologicamente preparati: molti tedeschi amano godere appieno del sole, quando c’è. E per “appieno” s’intende nudi, completamente nudi!

Al centro della grande rotonda all’interno del Großer Tiergarten si trova la famosa Colonna della Vittoria (Siegessäule), monumento commemorativo della vittoria prussiana nella guerra contro la Danimarca. I berlinesi la chiamano Goldelse (Elsa d’Oro) e fu inaugurata nel 1873 e nel tempo sono stati modificati e aggiunti dei particolari, sempre volti a commemorare le diverse vittorie belliche, come ad esempio la scultura di bronzo della Vittoria a memoria della guerra contro Austria e Francia. La Colonna della Vittoria, inizialmente collocata vicino al Reichstag, fu spostata nella posizione attuale durante il regime nazista in modo da renderla visibile già dalla Porta di Brandeburgo. Il quarto e ultimo blocco della colonna è stato aggiunto solo nel 1941, in occasione della vittoria della Germania sulla Francia. Quando la Germania uscì però sconfitta dal conflitto mondiale, alcuni elementi e particolari delle decorazioni della colonna furono rimossi e ripristinati solo successivamente.
Il granito rosso alla base della colonna rappresenta l’Impero Tedesco. A sua volta, i blocchi che la costituiscono sono arricchiti con le bocche da fuoco di tre cannoni, che rappresentano altrettante vittorie in guerra, così come i rilievi in bronzo sul basamento. Complessivamente la Colonna della Vittoria del Großer Tiergarten è alta 66,89 metri, di cui 8,3 occupati dalla statua della Vittoria, per un totale di 35 tonnellate. Con la sua altezza, la Siegessäule costituisce uno stupefacente punto di osservazione su Berlino, se avete la pazienza e la tenacia di salire per ben 285 gradini.

colonna della vittoria berlino

Leggi anche: Reichstag: la sede del Bundestag e non solo da scoprire a Berlino

Lo zoo per i bambini e le famiglie

Tra le cose da vedere a Berlino quando si viaggia in famiglia non può certo mancare questo zoo. Le attrattive per i grandi incontrano armoniosamente quelle per i più piccoli, ai quali sono dedicate attenzioni particolari. Ci sono infatti ben due aree dedicate a loro. La principale è più divertente è certamente quella ispirata alla favola dei fratelli Grimm, Hans im Glück, dello streichelzoo. Qui i bambini (e gli adulti che vogliono tornare bambini per un momento) hanno la possibilità di accarezzare, nutrire e giocare con simpatici animali da fattoria come agnellini, caprette e pony. Lo Streichelzoo (Petting Zoo in inglese) si trova proprio dietro alla zona dedicata ai volatili (World of Birds). Poco lontano, tra la roccia degli orsi e la zona riservata agli gnu, c’è un parco giochi dove correre, scivolare e arrampicarsi (lo trovate sotto la voce Spielplatz). E se dopo tutto questo accarezzare, correre e giocare sale un po’ di stanchezza, è possibile affittare passeggini e carretti, per continuare a esplorare lo zoo in tutta sicurezza e relax.
Per ogni ulteriore informazione è sempre meglio consultare direttamente il sito dello zoo.

giardino zoologico

Leggi anche: Museo Ebraico di Berlino, la rappresentazione del Vuoto e della storia

Zoo di Berlino: animali e orari dei pasti

All’interno dello Zoo di Berlino è possibile assistere anche al momento del pasto di diversi animali. Per alcuni di essi, è prevista una vera e propria introduzione con una guida che vi spiega in cosa consiste l’alimentazione e come si nutrono. Si inizia dagli orsi polari alle 10:30, e poi a seguire ogni mezz’ora ogni animale riceve il suo pasto. Gli ultimi a essere serviti sono le scimmie, alle 16:00. Nello specifico:

  • 10:30 Eisbären (orsi polari)
  • 11:00 Seebären (otarie)
  • 11:30 Gorilla
  • 12:00 Affen (Tropenhaus) (scimmie)
  • 13:30 Seehunde (foche)
  • Orang-Utans (Oranghi)
  • 13:45 Königspinguine (Pinguini reali)
  • 14:00 Wölfe, Hyänenhunde (Lupi e iene); Nasenbären (Nasua); Braunbären (Orso bruno); Affen (Tropenhaus) (Scimmie); Gorilla
  • 14:15 Flusspferde (Ippopotami)
  • 14:30 Raubtiere (Carnivori)
  • Pelikane (Pellicani)
  • 16:00 Affen (Tropenhaus) (Scimmie)
zoo di berlino prezzi

Leggi anche: Alexanderplatz e la Torre della Televisione, un must nella Berlino da vedere

Giardino Zoologico, Berlino: curiosità che forse non conoscete

  • Nel Giardino Zoologico di Berlino sono presenti circa 1200 specie per un totale di quasi 14000 esemplari.
  • Nell’adiacente Großer Tiergarten negli anni ’90 si è tenuto uno degli eventi techno più famosi d’Europa, la Loveparade.
  • Lo zoo di Berlino è attivo in prima linea per la tutela di tantissime specie a rischio estinzione, con una costante campagna di sensibilizzazione e donazioni.
  • Parte della fama dello Zoo di Berlino è dovuta al libro (e al successivo riadattamento cinematografico) dal titolo “Christiane F. – Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino“. Il romanzo è basato su una storia vera e racconta le vicende di Christiane Vera Felscherinow che si svolgono proprio nei pressi della stazione dello Zoo di Berlino,”Zoologischer Garten”, tra droga e prostituzione adolescenziale.
zoo di berlino
  • Lo zoo di Berlino ha ispirato anche la canzone surreale degli U2 dal titolo Zoo Station.
  • A partire dal 2017, presso lo Zoo di Berlino vivono gli unici panda giganti di tutta la Germania. All’inaugurazione del Giardino dei Panda hanno presenziato la cancelliera Angela Merkel e il presidente cinese Xi Jinping. Due anni dopo sono venuti alla luce i primi cuccioli di panda!
  • A proposito di cuccioli: tutti ricordano ancora il dolcissimo Knut, l’orso polare nato nello Zoo di Berlino e che rapidamente è diventato la sua star (e che ha incrementato le entrate del 30%).
  • Nel 2019 due esemplari maschi di pinguino reale hanno adottato un uovo abbandonato da una femmina. Hanno covato e curato incessantemente l’uovo, che purtroppo però si è rivelato non fertilizzato, con grandissimo dispiacere della coppia.
sito dello zoo

Leggi anche: Duomo di Berlino o Berliner Dom: la chiesa più importante della capitale tedesca

Zoo di Berlino: prezzo, come arrivare e info utili

Lo Zoo di Berlino si trova nel quartiere Tiergarten. Ci si arriva comodamente scendendo alla fermata della stazione ferroviaria Zoologischer Garten Bahnof, dove passano sia le linee della U-Bahn che della S-Bahn.
L’ingresso principale (Porta dei Leoni, Löwentor) si trova in Hardenbergplatz, mentre la Porta degli Elefanti si trova in Budapester Strasse.
Le linee che passano per la Zoologischer Garten Bahnof sono:

  • S-Bahn: S5, S7, S75, S9
  • U-Bahn: U2, U9 (Zoologischer Garten) o U1, U9 (Kurfürstendamm)

Per visitare solo l’Aquarium si può accedere direttamente dalla adiacente Porta degli Elefanti.

Zoo di Berlino: orari

Lo Zoo di Berlino è aperto tutto l’anno con i seguenti orari:

  • 1 gennaio – 27 febbraio: dalle 09:00 alle 16:30
  • 28 febbraio – 26 marzo: dalle 09:00 alle 18:00
  • 27 marzo – 24 settembre: dalle 09:00 alle 18:30
  • 25 settembre – 29 ottobre: dalle 09:00 alle 18:00
  • 30 ottobre – 31 dicembre: dalle 09:00 alle 16:30
  • 24 dicembre: dalle 09:00 alle 14:00

Zoo di Berlino: prezzi

  • Adulti solo zoo: €14.50. Zoo + Aquarium: €20
  • Ridotto solo zoo: €10. Zoo + Aquarium: €15
  • Bambini solo zoo: €7,50. Zoo + Aquarium: €10

Le casse per acquistare i biglietti chiudono un’ora della chiusura dello zoo. Per ulteriori informazioni sullo Zoo di Berlino, il sito ufficiale è sempre aggiornato con le ultime novità.

Leggi anche: Reichstag: la sede del Bundestag e non solo da scoprire a Berlino

Le recensioni di chi ha visitato Zoo di Berlino

Come detto, lo Zoo di Berlino attrae milioni di visitatori ogni anno grazie alla incredibile varietà di animali presenti, all’organizzazione impeccabile (con tanto di punti ristoro ben forniti), per il suo essere estremamente family-friendly e perché… chi non ama gli animali? Ecco cosa dice chi l’ha già visitato, direttamente dalla pagina TripAdvisor dedicata:

cosa vedere berlino10 cose da vedere a berlino

da vedere a berlinoberlino cosa visitare

Leggi anche: Checkpoint Charlie: l’ultimo punto di controllo tra Berlino Est e Berlino Ovest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
© 2021 Cose di Viaggio è un sito Giddy Up Srl - P.IVA 14849541009
Close