Procida: 15 cose da vedere nell’isola Capitale della Cultura 2022

Procida è una delle più belle isole della Campania, e ha molto da offrire, al punto da essere la vincitrice del concorso come Capitale della Cultura 2022. L’Italia ha investito in quest’isola, sicuramente facendo una scommessa vincente. Mare cristallino, borghi storici e panorami naturali da lasciare senza fiato. Scopri tutte le cose da vedere a Procida in mezza giornata o in un soggiorno più lungo sull’isola, sicuramente resterai anche tu affascinato dalle casette colorate e dalle acque blu che circondano Procida.

Procida: tutte le caratteristiche e le bellezze dell’isola dalle casette colorate

La prima cosa che si vede da lontano, mentre ci si avvicina verso l’isola di Procida sono le sue case colorate, arroccate una accanto all’altra come se fossero parti di un antico presepe napoletano. Ma Procida è questo e molto di più. Per il 2022 il Ministero per i beni e le attività culturali ha investito sull’isola facendola diventare la Capitale della Cultura 2022, con un progetto che tende a valorizzare le bellezze paesaggistiche e culturali della zona. Ma cosa vedere a Procida? Che tu abbia in mente di restare un’intera settimana sull’isola o stai cercando cosa vedere a Procida in 2 giorni la nostra guida ti sarà molto utile.

Spiagge di Procida: le zone più belle dove fare il bagno

Iniziamo dalle cose per cui l’isola è famosa: le spiagge. Procida ha un mare cristallino e coloro che ci trascorrono un soggiorno hanno la possibilità di scegliere diversi punti dell’isola, ognuno con il proprio fascino.
Le spiagge di Procida sono piccole e dalla sabbia scura e se alcune sono facilmente raggiungibili, come quella di Marina Grande, altre come la Corricella hanno percorsi meno agevoli ma che vale la pena seguire per godere di panorami unici.

  • Marina Grande: Sancio Cattolico, o Sent ‘Co, come la chiamano gli abitanti, è la zona dove si trova il porto di Procida, Marina Grande, e punto di attracco dei traghetti che arrivano sull’isola, quindi la prima zona di Procida da conoscere una volta arrivati.
    Probabilmente è uno dei luoghi più fotografati e conosciuti, formata da un insieme di case colorate poste una accanto all’altra. Marina Grande è il luogo dove potersi fermare a fare il bagno (anche se non uno dei migliori dato che siamo vicini al porto) e il punto nevralgico di taxi e autobus che portano alle varie zone dell’isola. Da Marina Grande si va per via Roma, zona ricca di negozi tipici dove poter fare shopping o semplicemente dove passeggiare per trovare luoghi storici come la Chiesa Santa Maria della Pietà e San Giovanni Battista, punto di riferimento degli isolani.
procida cosa vedere
  • Silurenza: a Via Roma, 153, poco lontano dal porto di Marina Grande c’è la spiaggia di Silurenza, famosa per il suo scoglio a forma di cannone, da dove fare tuffi. Attrezzata con un bar-ristorante e uno stabilimento balneare la spiaggia è raggiungibile sia a piedi da via Roma sia in auto ed essendo una zona molto tranquilla è adatta soprattutto alle famiglie.
  • La Corriccella: questa piccola spiaggia si trova nella zona del vecchio porto dell’isola, il borgo di Corricella. Per giungere alla spiaggia bisogna percorrere una lunga rampa di scale, che portano ad un litorale sabbioso protetto da delle scogliere, che rendono la zona molto caratteristica. Il mare, come in altri punti dell’isola di Procida è cristallino e alle spalle della spiaggia si trova il cratere di un antico vulcano spento.
Marina Corricella
  • Spiaggia dell’Asino: a Via Roma, nel lato opposto rispetto alla spiaggia della Silurenza si trova la Spiaggia dell’Asino, anche nota come Spiaggia della Lingua, protagonista dell’opera di Elsa Morante, L’Isola di Arturo.
    È adatta a colore che amano le spiagge dal carattere selvaggio, ricca di vegetazione e con un mare molto pulito. La spiaggia dell’Asino è raggiungibile o da via Roma o percorrendo le scale che partono da via Bartolomeo Pagano.
  • Chiaiolella: questa spiaggia, il cui vero nome è Ciracciello, è molto frequentata dai turisti, sia di mattino, che la sera. Questa zona è delimitata da due grandi rocce di tufo che hanno separato le spiagge di Ciraccio e Chiaiolella, è caratterizzata da un mare cristallino ed è perfetta per coloro che amano la tintarella, dato che il sole cala molto tardi.
procida cosa vedere
  • Spiaggia della Chiaia: accessibile da Piazza Olmo o da via dei Bagni, dopo aver percorso 182 scalini si arriva a questa spiaggia che si trova di fronte ad Ischia, perfetta per le famiglie e riparata dai venti.
  • Spiaggia del Postino: spiaggia del Pozzo Vecchio, meglio conosciuta come spiaggia del Postino, dal noto film di Massimo Troisi è in parte libera e in parte organizzata con lidi privati. È raggiungibile dal porto di Procida con autobus che vanno verso il cimitero nei pressi della spiaggia, ma è raggiungibile anche a piedi dal porto, in circa 20 minuti. Una piccola curiosità sul mare; spesso a causa dei venti l’acqua potrebbe essere più sporca del solito, in questo caso preferite il litorale poco distante, la Spiaggia della Chiaiolella.

Per coloro che amano gli scogli invece ci sono le scogliere del Carbonchio, perfette per chi ama fare immersioni, le scogliere di Marina Grande, le rocce del Faro e le rocce di Punta Pizzaco.

isola di Procida cosa vedere
Leggi anche: Cosa vedere a Sorrento: le bellezze della città più famosa della Penisola Sorrentina

Procida, cosa vedere: i caratteristici borghi, i luoghi storici e non solo

Visitare Procida significa non solo godere di un mare meraviglioso ma anche camminare tra borghi caratteristici, zone che ci proiettano alla vita degli antichi pescatori e che sembrano essere ferme nel tempo come una cartolina. Ecco i borghi più belli da scoprire e che rientrano sicuramente nella lista di cosa visitare a Procida.

Marina della Corricella

Camminando a piedi da Via Roma, o prendendo l’autobus C2 dal porto con fermata San Rocco, si arriva a questo caratteristico borgo affacciato sul mare. Forse camminando per le zone del borgo, oggi centro pedonale, riconoscerete alcune dei luoghi dov’è stato girato il famoso film di Massimo Troisi, Il Postino.
Tra le cose da vedere a Procida non potete omettere una passeggiata in questo borgo, tra le casette colorate e caratterizzate dai vefi, gli archi arabi che si conservano ancora oggi.
Un’altra curiosità sulle case di Procida riguarda i tetti a cupola; anticamente venivano utilizzati per raccogliere l’acqua piovana che confluiva all’interno di cisterne dove venivano aggiunte di proposito delle anguille, per evitare il ristagno dell’acqua.
Il nostro consiglio è quello di rimanere in Marina nell’orario del tramonto per assistere al sole che cala nel mare e fermarti poi verso sera in uno dei ristoranti, prettamente di pesce, della zona.

procida immagini

Terra Murata e Palazzo d’Avalos

Terra Murata è la zona più antica di Procida. Posta a 90 metri d’altezza è un’antica fortezza nata a scopo difensivo, un borgo creato per proteggere gli abitanti dalle invasioni barbariche del medioevo, circondato da mura (da qui il nome murata). Per accedere alla Terra Murata bisogna attraversare gli antichi varchi e attraversare le strette vie con le case costruite una accanto all’altra, ma che regalano, negli squarci che le separano, un panorama spettacolare su Procida e sul Golfo di Napoli.

Terra murata Procida
È possibile arrivare a piedi o in autobus e una volta all’interno delle mura troverai il Palazzo D’Avalos. Posto sul punto più alto dell’isola Palazzo D’Avalos venne costruito nel ‘500 dalla famiglia D’Avalos, i governatori dell’isola. Successivamente da 1830 al 1988 il Palazzo divenne un carcere ed è stato protagonista del film di Alberto Sordi, Detenuto in attesa di giudizio.
Dal 2013 Palazzo D’Avalos è visitabile. Per maggiori informazioni sugli orari delle visite guidate dell’edificio clicca qui.
A Terra Murata poi ti consigliamo di raggiungere due Chiese, il monastero di Santa Margherita e il Santuario di Santa Maria delle Grazie poco distante dal monastero, dedicato alla Vergine che ha liberato Procida dalla peste

Casale Vascello

Cosa vedere a Procida a piedi? Casale Vascello è una risposta. Un insieme di casali, nati nel ‘500 grazie ai cittadini che volevano difendersi dagli attacchi dei saraceni. Ad oggi passeggiare tra le strade di questi casali ci permette di rivivere il mondo medievale, con le case che condividono le stesse logge e cortili. È possibile raggiungere Casale Vascello solo a piedi, passando per vicoli stretti che anticamente vennero costruiti così per avere una maggiore difesa in caso di attacco, chiudendo l’accesso ai nemici.

Casale Vascello

La Casa di Graziella

Sull’isola di Procida cosa vedere oltre ai luoghi di mare e ai borghi? Una casa. In particolare la casa-museo di Graziella, ispirata all’opera di Alphonse De Lamartine Graziella che narra l’amore dello scrittore per una ragazza, realmente esistita.
La casa di Graziella, è visitabile tutti i giorni, in estate, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00, mentre in inverno dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00.
È situata nel Palazzo della Cultura al secondo piano poco distante dall’Abbazia di San Michele e può essere un’esperienza utile per capire come si viveva anni fa in una tipica casa di Procida.

La Casa di Graziella
Leggi anche: Isola di Capri: 10 cose (e più) da vedere, itinerari e attrazioni della regina delle Isole Flegree

I due scorci paesaggistici da vedere a Procida

Tra le cose da vedere a Procida , ci sono due zone che non sono legate al mare ma alla natura. Ti consigliamo quindi, come ultimi luoghi da visitare, paesaggi unici dove poter passeggiare e staccare la mente.

Vivara, l’isola nell’isola

Vivara è un’oasi naturale distaccata da Procida, nata sul cratere di un vulcano spento e ormai sommerso. Inizialmente la zona era collegata a Procida da una falesia, mentre ad oggi è stato costruito un ponte. Ti consigliamo di raggiungere questa zona se stai cercando cosa fare a Procida e hai voglia di vivere momenti di estrema tranquillità, mentre ammiri dall’isola le altre isole Capri, Ischia e Procida.

vivara

Punta Solchiaro

Via Solchiaro è un sentiero che dalla Chiaiolella arriva fino a Punta Solchiaro, percorrendo stradine con ville a picco sul mare e scorsi mozzafiato, fino ad arrivare al promontorio a sud di Procida che affaccia su Terra Murata e la terraferma.

Punta Solchiaro procida
[/lo_wide_image] Leggi anche: Cosa vedere a Ischia: tutte le bellezze dell’isola da non perdere

Come girare Procida e cosa vedere in mezza giornata?

Sempre più spesso i soggiorni a Procida sono brevi, con turisti che approdano la mattina sull’isola per rientrare a casa con l’ultimo traghetto della giornata. Ma a Procida cosa vedere in mezza giornata? Tra tutte le bellezze che ti abbiamo elencato quelle che non vale la pena perdere in un soggiorno, anche minimo sull’isola sono:

  • Terra Murata e il Palazzo di Avalos
  • La Corricella
  • Marina Chiaiolella
  • Marina Grande
  • La spiaggia del Postino
  • Vivara
procida da vedere
Leggi anche: Cosa vedere a Napoli in un week end: 2 giorni nella città partenopea

Le Chiese dell’isola da scoprire

Tra le bellezze di Procida da visitare ci sono poi le Chiese, tre in particolare attirano l’attenzione dei turisti e sono un punto di riferimento per i procidani: l’abbazia di San Michele Arcangelo e la Chiesa Santa Maria della Pietà e San Giovanni Battista, il Monastero di Santa Margherita e il Santuario di Santa Maria delle Grazie Incoronata. Una curiosità particolare legata ai riti religiosi di Procida è la processione del Venerdì Santo, quando lungo le strade di Terra Murata e Piazza dei Martiri il popolo ricrea le scene della Passione di Cristo con dei “misteri”, dei carri allegorici, creati con mesi di lunghi lavori, seguiti da due statue, la Madonna dell’Addolorata e il Cristo Morto.

Abbazia di San Michele Arcangelo e la Chiesa Santa Maria della Pietà e San Giovanni Battista

Situata nel borgo di Terra Murata, l’Abbazia di San Michele Arcangelo fondata dai Benedettini nell’XI secolo, è stata più volte ricostruita ve ad oggi presenta un’architettura del 500.
È possibile visitare la Chiesa a pagamento e potrai ammirare anche un presepe permanente con pastori realizzati nel XVII secolo dalla scuola napoletana. Inoltre all’interno dell’abbazia è presente una biblioteca con testi risalenti al XVI secolo.
La Chiesa Santa Maria della Pieta’e San Giovanni Battista invece è il luogo di riferimento dei procidani, situata a pochi passi da Marina Grande e facilmente riconoscibile per la sua facciata gialla.

Chiesa Santa Maria della Pietà

Il Monastero di Santa Margherita e il Santuario di Santa Maria delle Grazie Incoronata

Il Monastero di Santa Margherita si trova acanto alla terrazza panoramica della Corricella e da qui si può godere di una stupenda vista dell’isola.
Il Santuario di Santa Maria delle Grazie Incoronata invece si trova a Piazza dei martiri e risale al 1679. Lo stile è barocco, con una pianta a croce greca. La piazza che si trova dinanzi alla Chiesa, un tempo chiamata semmarezio, è un punto panoramico per ammirare la Torre Murata e la Corricella. Tra le bellezze che si trovano all’interno del Santuario è degno di nota il dipinto della Vergine.

Santa Margherita
Leggi anche: 10 cose (e più) da vedere a Napoli

Isola di Procida: le recensioni di chi ci è già stato

Molto spesso le recensioni dei turisti che hanno già visitato un luogo possono esserci utili a capire meglio cosa visitare e quali luoghi frequentare. Per farti un’idea dell’isola di Procida e di quali bellezze non perdere ecco alcune recensioni presenti sul sito di Tripadvisor, molte altre poi potrai leggerle qui.
procida isola campanaisola di procida da visitare
procida isola da visitareprocida cosa vedere
Leggi anche: Cosa vedere a Napoli in un giorno: l’itinerario personalizzato per la tua visita

Come arrivare a Procida da Napoli, Pozzuoli e Ischia

Tutte queste informazioni su Procida ti hanno fatto venir voglia di visitare l’isola e ti chiedi come arrivare a Procida? Essendo un’isola l’unico modo è via mare, con partenze da Napoli, Pozzuoli e Ischia. Ecco le tratte e i costi dei biglietti.

  • da Napoli Molo Beverello: partenze di aliscafi Caremar e Snav che in circa 35 minuti arrivano a Procida.
  • da Napoli a Porta di Massa: partenze di traghetti con percorrenza di circa un’ora.
  • da Napoli Mergellina: partenza di aliscafi Snav che in circa 35 minuti arrivano a Procida.
  • da Pozzuoli: partenze di traghetti verso Procida, con percorrenze di 35 minuti e aliscafi con tratte di 15 minuti.
  • da Ischia Porto e Ischia Casamicciola: aliscafi con tratte di 15 minuti.

Per conoscere gli orari delle tratte è possibile consultare questo link, mentre per conoscere i prezzi clicca qui.

Leggi anche: Cerca la tua destinazione e scopri le migliori attività!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
© 2021 Cose di Viaggio è un sito Giddy Up Srl - P.IVA 14849541009
Close