GAM, Torino: la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea da non perdere

Tra le infinite possibili cose da fare a Torino è bene non dimenticare una preziosa perla del capoluogo piemontese, la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, la GAM di Torino. Qui non troverete semplicemente alcune delle più belle opere d’arte tra dipinti, sculture e fotografie del 19° e 20° secolo, ma nuove idee, nuovi spunti di riflessione, percorsi e laboratori tutti da scoprire, per una full immersion nell’arte e nella cultura mai provata fin ad ora.

Torino, cosa vedere: la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea

Cosa vedere a Torino ad esempio in un giorno di pioggia? Certamente la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino è un’opzione da tenere in considerazione! La GAM a Torino è una realtà dinamica, in continua evoluzione e che riesce a coniugare in modo impeccabile passato, presente e futuro dell’arte. Accostando pilastri dell’arte moderna ad artisti emergenti e unendo la visita contemplativa ai workshop creativi per adulti e bambini, questa istituzione culturale è l’ennesima conferma di una città che, come pochissime altre in tutto il mondo, si proietta verso il futuro senza dimenticare di celebrare la sua storia.

Galleria d’Arte Moderna, Torino: alcune informazioni utili

La GAM Torino, ovvero la Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, è un punto di riferimento culturale che ha avuto un ruolo pionieristico nel panorama artistico. Fondata nel 1863, la GAM di Torino ha raccolto per la prima volta in Italia le principali opere di arte moderna e contemporanea italiane ed estere, creando un punto di riferimento per tutto il panorama. È, infatti, il museo di arte moderna più antico di tutta Italia.
La Galleria non è sempre stata così come la vediamo: inizialmente, infatti, aveva sede all’interno della Mole Antonelliana. Dopo tre decadi passate in questa imponente cornice, nel 1895 la Galleria di Arte Moderna di Torino fu trasferita in Corso Siccardi, presso il padiglione che ora trovate sotto il nome di Galileo Ferraris, nel quartiere Crocetta. Con lo scoppiare della Seconda Guerra Mondiale, i bombardamenti colpiscono anche l’arte, distruggendo la Galleria. Bisognerà aspettare il 1959 per la riapertura, esattamente nello stesso punto, ma in una sede ricostruita e rinnovata, della GAM. La storia scorre placida per la Galleria, e alla fine degli anni ’80 viene chiusa, restaurata e riconsegnata al pubblico nel 1993.
Ad oggi, costituisce senza ombra di dubbio una tappa obbligata se cercate cosa vedere a Torino di bello, appassionante e culturalmente appagante. E se la visita inizia a farsi impegnativa, non dimenticate la possibilità di fare colazione, pranzare o prendere un’aperitivo presso la caffetteria interna.

torino gam

Leggi anche: Museo Egizio di Torino: cosa vedere, info utili e curiosità

GAM, Torino: mostre da vedere

Come ogni museo d’arte che si rispetti, spesso la GAM di Torino ospita mostre di livello altissimo del XIX e XX secolo, oltre a numerosissime mostre temporanee sia dei grandi nomi dell’arte che di artisti emergenti. Inoltre, la GAM a Torino ospita Artissima, la prima fiera italiana di arte contemporanea, fondata nel 1994. All’interno dell’esposizione permanente, però, non aspettatevi quella staticità vecchio stampo del museo visitato con la scuola: le opere sono raggruppate secondo un ordine tematico invece che cronologico. Questo significa che gli stessi dipinti, illustrazioni, sculture e fotografie, disposte in un altro ordine o secondo un altro criterio, a ogni visita vi daranno nuovi spunti, influenze e prospettive, gettando di volta in volta nuova luce sulle diverse tematiche. E se qualche nome non vi suona famigliare, probabilmente è perché la GAM, Torino, dà spesso spazio ad artisti emergenti, italiani e stranieri, che qui trovano il punto di partenza per presentarsi al mondo.
Per quanto riguarda le mostre al GAM di Torino, nel corso del tempo si sono alternati nomi conosciuti a livello mondiale quali Paul Klee, Giorgio De Chirico, Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Gino Severini, Otto Dix e Max Ernst. Impossibile poi non menzionare la famosa mostra di Monet alla GAM di Torino, tenutasi nel 2015, che ha addirittura portato in Italia 5 dipinti mai esposti prima nella penisola.

mostra gam torino

Leggi anche: Mole Antonelliana e Museo del Cinema: cosa vedere a Torino tra storia e magia

Curiosità sulla GAM, Torino

  • La GAM di Torino fa parte del progetto Google Arts & Culture, un’iniziativa senza scopo di lucro con l’obiettivo di rendere fruibili a tutti l’arte gratuitamente. Per vedere i contenuti, seguite questo link.
  • All’interno si trova anche una caffetteria dove fermarsi tra un capolavoro e l’altro. Ci si arriva sia dall’interno che dall’esterno (da Corso Galileo Ferraris, 30) ed è possibile prenotare lo spazio per eventi privati. La caffetteria è aperta tutti i giorni dalle 7 alle 20.
  • Dal 2003 la GAM fa parte della Fondazione Torino Musei. Ne fanno parte altresì il Museo civico di Arte Antica presso Palazzo Madama, il Borgo Medievale (con la relativa rocca) e il Museo di Arte Orientale.
  • All’interno della Galleria d’Arte moderna di Torino sono presenti più di 45 mila opere, di cui una diverse visibili online sul Catalogo delle opere online.

  • Nella Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino potrete ammirare le opere di grandi artisti italiani dell’Ottocento come Fattori, Pellizza da Volpedo e Fontanesi e del Novecento come De Pisis, Casorati, Morandi. Numerose sono anche le opere delle avanguardie storiche internazionali tra cui spiccano i nomi di grandi artisti come Paul Klee, Picabia e Marx Ernst e le avanguardie del secondo dopoguerra tra cui Pistoletto, Boetti, Paolini.
  • L’attuale sede della GAM a Torino è stata progettata dagli architetti Carlo Bassi e Goffredo Boschetti.
  • Il visitatore non si limita ad ammirare le mostre, ma anche a diventarne parte attiva. Sono infatti presenti diversi laboratori e workshop didattici creativi dedicati sia a un pubblico adulto che ai più piccoli, le scuole e i diversamente abili. Per consultare il programma delle attività organizzate vi invitiamo a relativa sezione del sito ufficiale.
  • Per visitare il museo comodamente dalla poltrona di casa, date un’occhiata ai tanti video caricati sul canale YouTube del GAM.

Leggi anche: Parco del Valentino, il suo castello e il borgo medievale di Torino: le bellezze da scoprire

Torino, GAM: cosa dicono i visitatori

Grazie alla sua organizzazione sempre fresca e attuale, la GAM a Torino è un’attrazione che rientra sicuramente nella Torino da vedere ogni volta che se ne ha l’occasione. Vediamo cosa ne pensa chi l’ha visitata e ha condiviso la sua opinione sulla pagina TripAdvisor dedicata:

gam torino guttusomuseo arte moderna torino

gam torino operemostre gam torino

Leggi anche: Superga, Torino: dalla Basilica di Superga al memoriale del Grande Torino sul panorama più bello del capoluogo piemontese

GAM, Torino: orari, prezzi e info utili

Infine, qualche informazione utile se la GAM è entrata nel vostro cuore e volete che faccia parte della vostra lista delle cose da vedere a Torino:

GAM Torino, orari

Il museo vi aspetta il giovedì e il venerdì dalle 12 alle 19 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 19, mentre dal lunedì al mercoledì resta chiuso.

GAM Torino, prezzi

Il biglietto è acquistabile sia presso la biglietteria interna (fino a un’ora prima della chiusura), sia online su TicketOne (opzione consigliata per saltare le file in caso di mostre particolarmente gettonate). In occasione di particolari eventi e festività, vi consigliamo di consultare il sito ufficiale della GAM o chiamare il 011 4429518.
In ogni caso, il prezzo del biglietto intero è di 10€, ridotto 8€ e l’entrata è gratuita ogni primo martedì del mese (tranne in caso di festività).
La tariffa ridotta si applica a:

  • over 65;
  • ragazzi tra i 18 e i 25 anni;
  • soci della Fondazione Torino Musei (e/o enti convenzionati);
  • gruppi di visitatori formati da almeno 20 persone, previa prenotazione)
  • possessore di biglietto del bus turistico Citysightseeing Torino

L’ingresso è invece gratuito per:

museo gam torino
  • minori di 18 anni;
  • diversamente abili e relativo accompagnatore;
  • classi scolastiche (previa prenotazione);
  • gruppi di studenti universitari, delle accademie e dei conservatori (previa prenotazione);
  • amministratori in carica degli Enti Fondatori;
  • dipendenti della Fondazione Torino Musei
  • dipendenti della Divisione Servizi Culturali della Città di Torino;
  • giornalisti iscritti all’albo;
  • guide turistiche abilitate;
  • soci degli Amici della Fondazione Torino Musei e altri musei convenzionati;
  • i possessori di tessera ICOM valida per l’anno in corso e di Abbonamento Musei / Torino Card.


GAM Torino, indirizzo:

Se utilizzate il navigatore, l’indirizzo da impostare per arrivare è il seguente:
Via Magenta, 31 10128 Torino
Con i mezzi pubblici avete diverse opzioni a disposizione:

  • arrivando in treno, dalla Stazione di Torino Porta Nuova potete prendere il tram 9 direzione Stampalia;
  • l’autobus numero 68 direzione Frejus e scendere dopo due fermate (fermata Ferraris);
  • in metro, prendete la linea Metro1 e scendete a Vinzaglio o a Re Umberto;
  • in tram, sono comodi i numeri 9 e 15, mentre in autobus le tratte utili sono 5/, 14, 14/, 33, 33/, 52, 64 e 68.

Leggi anche: Villa della Regina: guida alla più bella residenza sabauda di Torino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
© 2021 Cose di Viaggio è un sito Giddy Up Srl - P.IVA 14849541009
Close